Giulio Zoppello

Redattore
Figlio dei gloriosi e contradditori anni '80, formatosi in quell'ultimo decennio decente che furono gli anni '90, abbraccia il mondo della settima arte per mancanza di fede in ogni altra cosa. Più che un critico un umile cronista che non chiede altro che essere sorpreso in positivo di tanto in tanto.