Zachary Levi indossa il pigiama di Shazam ricevuto al termine delle riprese

Zachary Levi indossa il pigiama di Shazam ricevuto al termine delle riprese
di

È risaputo, una volta fatta l’abitudine ad indossare il costume da supereroi non se ne può più fare a meno anche fuori dal set. Sarà per questo che l’attore Zachary Levi ha da poco condiviso sul social network Instagram una foto che lo immortala con addosso il pigiama di Shazam, regalo che gli è stato fatto al termine delle riprese del cinecomic.

Sebbene non ricco di particolari dettagli, l’indumento è unicamente caratterizzato dal celebre logo del fulmine che campeggia nelle tonalità gialle nella parte posteriore del pigiama. Per dare uno sguardo alla foto pubblicata da Levi vi basterà scorrere in basso la notizia.

Dopo il successo planetario di Aquaman con l’attore Jason Momoa, la Warner Bros. è pronta a tornare in sala dal prossimo 4 aprile con un nuovo supereroe della DC Comics, Shazam. Il film, seppur sempre ambientato nell'universo DC, sorprende con un proprio tratto distintivo nell’ironia e con il suo essere incentrato sulla famiglia.

Protagonista del lungometraggio diretto da David F. Sandberg (Annabelle: Creation) è il giovane Asher Angel, interprete di Billy Batson. Lo scaltro quattordicenne si ritroverà ad assumere l’identità e la fisicità del potente supereroe pronunciando una sola parola, Shazam!, utile a far sì che il ragazzo si trasformi in un adulto. Antagonista della pellicola sarà il malvagio Dr. Thaddeus Sivana, interpretato dal talentuoso Mark Strong (Kingsman – Secret Service, Lanterna Verde).

La sceneggiatura di Shazam! è frutto del lavoro svolto da Henry Gayden, il quale ha operato su una storia scritta da lui e da Darren Lemke. Nel comparto fotografico troviamo Maxime Alexandre, mentre la scenografia è stata curata da Jennifer Spence. Al montaggio del film troviamo Michel Aller, mentre i costumi sono stati affidata a Leah Butler.

Prodotto dalla New Line Cinema, Shazam! verrà distribuito dalla Warner Bros. Pictures nelle sale cinematografiche italiane dal 4 aprile 2019.

Quanto è interessante?
2