Youth: Michael Caine è ancora sorpreso dalla collaborazione con Sorrentino

di

Michael Caine si gode ancora la vittoria agli European Film Awards, dove è stato eletto miglior attore europeo del 2015 grazie alla sua interpretazione in Youth, il nuovo film di Paolo Sorrentino vincitore anch'esso agli EFA. Entrambi, ora, attendono le nomination agli Oscar, dopo i Golden Globe, ma Caine ancora mostra stupore per quanto accaduto.

In un'intervista concessa a Hollywood Outbreak, l'attore ha avuto modo di parlare ancora una volta della sorpresa ricevuta nel sentire che Paolo Sorrentino lo voleva come protagonista del suo film: «Ero incredibilmente sorpreso, perché negli anni avevo visto tutti i film di Paolo Sorrentino. Li avevo visti tutti questi suoi film pieni di pathos e di sentimento, poi ho visto anche La Grande Bellezza, che ha vinto l'Oscar come miglior film straniero.... Un giorno il mio agente è venuto a dirmi che c'era uno script per me da parte di Sorrentino: sono rimasto incredibilmente sorpreso, pensavo di aver capito male. Poi però Paolo mi disse che lo script era pensato proprio per me, che se non avessi accettato non avrebbe fatto il film. E allora io gli ho detto "ok, farò il film, tranquillo". Ero stordito completamente da questa offerta e da questa possibilità».

Caine in Youth interpreta un direttore d'orchestra oramai in pensione, che passa le sue vacanze in uno chalet in Svizzera, tra le Alpi, con l'amico di sempre, un noto regista, interpretato da Harvey Keitel. Con loro anche Paul Dano, un attore che sta cercando di entrare nella parte del suo prossimo film: ad accompagnarli c'è Jane Fonda, candidata ai Golden Globe come miglior attrice non protagonista.

Quanto è interessante?
0