INFORMAZIONI FILM
di

Cosa fare se alla tua reunion virtuale arrivano degli "imbucati speciali"? Chiedete a Hugh Jackman e ai protagonisti di X-Men, che hanno dovuto sopportare le interferenze di Ryan Reynolds (ovviamente) e soci.

Povero Hugh Jackman, non riesce proprio a liberarsi del suo acerrimo nemico Ryan Reynolds.

Il cast originale di X-Men si riunisce via zoom a 20 anni dall'uscita del primo film, e lo fa per una buona causa, ovvero per "celebrare gli eroici atti di medici, infermieri, operatori sanitari e altri lavoratori di essenziale importanza per il settore e supereroi di tutti i giorni durante l'evento Global Goal: Unite for Our Future".

Hugh Jackman (Wolverine), Sir Patrick Stewart (Professor X), Halle Berry (Tempesta) e Famke Janssen (Fenice) sono infatti nel mezzo di una reunion virtuale quando ecco arrivare un ospite inatteso...

Sir Ian McKellen? Ma no, Ryan Reynolds!

"Wow, quante star!" esordisce l'interprete di Deapool "Spero sia ok che mi unisca a voi... Insomma, eravamo tutti in X-Men!"

"X-Men Origins!" ricordano i colleghi.

Ma a Ryan i dettagli non interessano, e anzi... "Ho invitato anche qualcun altro!" e compaiono Sophie Turner e James McAvoy (la Fenice e il Professor X dei prequel).

"Wow, così tante timeline!" osserva Ryan.

"Ma che sta succedendo?" chiede la Janssen, e Reynolds risponde "È proprio come nei film di X-Men, non importa!".

"Oh, scusate, credevo fosse la reunion di Game of Thrones" ammette la Turner, prima di dileguarsi, come fanno poi a ruota tutti gli altri, utilizzando la stessa scusa: Reunion di Bond (x2), di Split, di Star Trek...

Finché non rimangono solo Reynolds e Jackman. Ovviamente.

"Uh, mi sa che siamo rimasti solo noi Logan... Sai di cosa è la reunion adesso?" chiede Reynolds e... Non vogliamo rovinarvi la sorpresa finale. Per scoprirlo, cliccate sul breve ma esilarante promo della reunion in testa alla notizia.

FONTE: People
Quanto è interessante?
3