Wesley Snipes: "Prima di interpretare Blade sarei dovuto essere Black Panther"

Wesley Snipes: 'Prima di interpretare Blade sarei dovuto essere Black Panther'
di

Il mondo è ancora in lutto per la dolorosa dolorosa perdita di Chadwick Boseman dello scorso agosto ma, in pochi probabilmente sanno che l'iconico ruolo di Black Panther sarebbe dovuto andare in realtà a Wesley Snipes, l'attore noto al grande pubblico soprattutto per la sua interpretazione di Blade nell'omonima trilogia.

La pellicola che non ha mai visto la luce, era stato messa in cantiere all'inizio degli anni '90 su insistenza dell'attore, che credeva possibile il lancio di un supereroe di colore quasi 30 anni prima del film diretto da Ryan Coogler.

"Penso che Black Panther mi abbia parlato perché era nobile, ed era l'antitesi degli stereotipi presentati e rappresentati sugli africani, sulla storia africana e sui grandi regni d'Africa", ha rivelato Snipes a THR. "Aveva un significato culturale, un significato sociale. Era qualcosa che la comunità nera e la comunità bianca non avevano mai visto prima".

Questo ambizioso progetto aveva anche il benestare di Stan Lee ma, fu anche accantonato per le notevoli difficoltà di produzione, la Marvel all'epoca non era il colosso dei giorni nostri e non erano ancora disponibili tutte le eccezionali tecnologie di cui oggi disponiamo:

"Il nostro principale concorrente era di proprietà della Warners, e stavano uscendo con i film di Superman e i film di Batman ... Eravamo là fuori in difficoltà dopo i fallimenti di Howard e il destino del mondo e The Punisher. Alla fine non abbiamo trovato né la giusta sceneggiatura né il giusto regista. E poi era ancora troppo presto, la tecnologia non permetteva di produrre un film del genere su un mondo così visionario".

Subito dopo la Marvel lo coinvolse nel progetto di Blade, consacrando definitivamente Snipes come il cacciatore di vampiri che tutti noi conosciamo e che in molti sperano di rivedere nel reboot.

Quanto è interessante?
2