Warner, basta tagli dal 2023! Per il CEO David Zaslav sono "un capitolo chiuso"

Warner, basta tagli dal 2023! Per il CEO David Zaslav sono 'un capitolo chiuso'
di

A parte forse il grande crack di Hollywood all'inizio degli Anni '60, lo smantellamento e l'ondata di licenziamenti cui abbiamo assistito negli ultimi mesi in Warner Bros. Discovery sono probabilmente la più grande apocalisse nel settore cinematografico dell'ultimo mezzo secolo. Ora per David Sazlav è il momento di "ricostruire".

Perché un futuro si possa ricostruire da zero, prima bisogna radere al suolo il passato. Per quanto male possa fare, per quanti licenziamenti e fallimenti possa causare nella vita dei singoli, questo è ancor più vero quando il passato è andato peggiorando ogni anno di più. E in Warner Bros. prima della fusione con Discovery e prima dell’avvento del CEO tagliateste David Zaslav, era proprio così. In realtà, solo qualche settimana fa una lunga e preoccupante intervista del CEO faceva presupporre molti altri tagli in Warner nel 2023.

Zaslav aveva reso un’idea della situazione disastrosa in cui versava la major prima del suo arrivo: “Nel 2022 hanno speso 7 miliardi e riguadagnati solo 4. Non so se ho mai visto qualcosa del genere. In questo momento, possiamo ottenere 30 milioni di spettatori con Euphoria, ma possono venire per due mesi, guardare Euphoria e poi disabbonarsi. Vogliamo creare incentivi affinché le persone rimangano? Ci sono molte aziende che hanno un'attività per cui la maggior parte delle persone è abbonata per tutto l'anno”. A partire dal nuovo anno però, sembra che quello dei tagli sia “un capitolo chiuso”.

Ci siamo presi un po' di tempo per assicurarci di farlo correttamente. Per alcuni dei titoli, abbiamo trovato nuove case altrove. Ecco perché ci sono voluti sei o sette mesi. Ma penso che siamo giunti a grandi soluzioni e, cosa più importante, abbiamo chiuso con quel capitolo. Questo è stato molto importante per tutti noi, utilizzare davvero il 2022 per lasciarci alle spalle la contabilità degli acquisti, lasciarci alle spalle quei cambiamenti iniziali di strategia, ottenere tutto là fuori in termini di stime di ristrutturazione e quindi essere in grado di voltare pagina. Penso che il team abbia gettato delle ottime basi e sono davvero entusiasta della crescita da qui in poi”.

Questo vuol dire anche niente più cancellazioni nei DC Studios? Sembra che nonostante le numerose fra i vari sequel, non ci sia l’intenzione di eliminare completamente la Justice League.

FONTE: Variety
Quanto è interessante?
1