Warner sigla con MGM, distribuirà i suoi film: nell'accordo si parla di due nuovi Bond

Warner sigla con MGM, distribuirà i suoi film: nell'accordo si parla di due nuovi Bond
INFORMAZIONI FILM
di

Giornata di accordi fra major per MGM e la nuova direzione di Warner Bros. Discovery. Gli studios del leone ruggente hanno siglato un accordo con il gigante di David Zaslan per farsi distribuire i film all'estero, rompendo la precedente collaborazione con Universal. I termini dell'accordo riguarda anche Bond 26 ma soprattutto Bond 27.

Con un comunicato stampa congiunto, MGM ha annunciato che la Warner Bros. distribuirà i suoi prossimi film all'estero. Finora era spettato a Universal Pictures occuparsi della filiera distributiva, di cui MGM è priva all’estero. In base al loro precedente accordo, la Universal aveva aiutato MGM a guidare le uscite dell'era della pandemia come House of Gucci di Ridley Scott (100 milioni all'estero), Licorice Pizza di Paul Thomas Anderson (15 milioni internazionali contro i 17 domestici), ma soprattutto No Time To Die, il canto del cigno di Daniel Craig e 25esimo film su Bond, con 613 milioni a livello internazionale.

Prima di allora era spettato a Sony Pictures occuparsi dei film di 007 con Daniel Craig per conto di MGM. Ora, Universal mantiene il controllo sulle ultime tre uscite ancora comprese nel precedente accordo MGM e fra queste compare anche Bond 26, che porterà a un recasting del personaggio. Segno che i lavori sul sequel procedono e non sono probabilmente così lontani dal trovare una risoluzione. Ma non è tutto. Il nuovo accordo con Warner comprende già una clausola per Bond 27, il secondo sequel della prossima era.

Ovviamente MGM guadagna in ogni caso nel passaggio fra major e così ne guadagna il CEO David Zaslan in un momento così delicato per la sua Warner Bros. Discovery. L’accordo potrebbe esser stato mediato dagli ex leader della MGM Michael De Luca e Pamela Abdy, che sono stati recentemente nominati co-presidenti e CEO di Warner Bros. L’accordo entrerà in vigore a partrire dal Bones and All con un Timothée Chalamet cannibale e diretto da Luca Guadagnino e successivamente con il terzo capitolo di Creed di Michael B Jordan. Quest’ultimo aveva subito un posticipo nella distribuzione e questo potrebbe essere dipeso dal nuovo accordo.

Secondo i termini dell'accordo, MGM e Warner Bros. Picture Group collaboreranno su marketing e pubblicità, distribuzione di film e relazioni con gli espositori per conto della futura lista di uscite cinematografiche della MGM al di fuori del Nord America (inclusa la Cina). Il nuovo accordo include anche la distribuzione mondiale dell'home entertainment fisico su tutti i titoli MGM appena rilasciati. Si dispera poco, invece, Universal, che notizia di stamattina vuole essere la prima ad aver superato i 3 miliardi al box office 2022, nonché la prima a riuscirci dall’inizio del Covid. Nel frattempo, già si fanno avanti dei nomi per il prossimo villain di Bond: il Boyd Holbrook di The Sandman e il Daniel Kaluuya di Nope.

FONTE: Variety
Quanto è interessante?
2