Warner Bros. ha messo in pausa tutti i progetti futuri di Ezra Miller, star di Flash

Warner Bros. ha messo in pausa tutti i progetti futuri di Ezra Miller, star di Flash
INFORMAZIONI FILM
di

Stando a un recente report di Rolling Stone, in seguito all'arresto per molestie e disturbo della quiete pubblica di Ezra Miller, star di The Flash e Animali Fantastici, Warner Bros. avrebbe disposto di mettere in pausa tutti i progetti futuri dell'attore statunitense, prima di prendere decisioni definitive.

In particolare, secondo una fonte molto affidabile di Rolling Stone, la major hollywoodiana avrebbe tenuto un meeting di emergenza il 30 marzo, due giorni dopo l'arresto di Miller alle Hawaii, per discutere del futuro coinvolgimento dell'attore nelle loro produzioni. Ebbene, come anticipato in apertura, la proposta di mettere in pausa tutti i progetti futuri dell'attore avrebbe trovato il consenso della riunione. Infatti, la compagnia preferirebbe aspettare il compimento della fusione con Discovery prima di adottare misure irreversibili.

Inoltre, viene anche riportato che questa decisione è stata presa in nome di una serie di comportamenti pregressi di Miller, non soltanto per i recenti fatti delle Hawaii. Difatti, ricapitolando, un insider di Rolling Stone ha affermato che durante la lavorazione di The Flash, tenutasi tra 2020 e 2021, l'attore avrebbe avuto "diversi crolli nervosi", dando spesso ai suoi collaboratori l'impressione di "perdere il controllo".

Nell'aprile 2020, invece, ha iniziato a circolare un video che, apparentemente, ritrae Miller intento a strozzare una ragazza in un bar in Islanda. In quel caso, l'attore sarebbe stato cacciato dal locale senza subire azioni legali. Già all'epoca Warner Bros. avrebbe discusso del futuro dell'attore, decidendo infine di non escluderlo dalla lavorazione di Animali Fantastici: I Segreti di Silente.

Infine, vi riportiamo delle vicende avvenute alle Hawaii la scorsa settimana. Da quanto emerso finora, l'attore non solo è stato arrestato il 28 marzo, ma sta anche aspettando la risposta di un giudice alla richiesta di un ordine restrittivo temporaneo nei suoi confronti. Infatti, il 29 marzo, dopo essere stato rilasciato per aver pagato una cauzione di 500 dollari, Ezra Miller avrebbe derubato e minacciato di uccidere con un'arma da fuoco una coppia di cittadini del luogo, che avrebbe poi formulato la richiesta al giudice sopraccitato.

Al momento, non ci resta che rimanere in attesa di comunicazioni ufficiali della Warner Bros. e di provvedimenti legali da parte delle autorità competenti per capire come si svilupperà questa situazione.

Quanto è interessante?
5