Viola Davis, la star di Widows: "Per troppi anni non mi sono sentita bene nella mia pelle"

Viola Davis, la star di Widows: 'Per troppi anni non mi sono sentita bene nella mia pelle'
di

Questa sera Viola Davis torna in tv con Widows, il film del 2018 diretto da Steve McQueen, ispirato alle serie degli anni '80 intitolata Le Vedove. Pur essendo una delle interpreti più in vista degli ultimi anni, in una recente intervista l'attrice ha rivelato di non essersi sentita a lungo a proprio agio nella sua pelle.

"Sono diventata artista, e grazie a Dio se l'ho fatto, perchè noi artisti siamo gli unici a fare un lavoro che celebra il senso del vivere la vita" ha detto la Davis, sottolineando che la sua scelta ha anche avuto un forte impatto sulla vita di molte altre donne, diventando lei stessa un esempio per le sue sorelle nere.

L'attrice ha poi aggiunto: "Non mi lamento, e faccio quest'affermazione in tutta onestà, ma la verità è che ci sono veramente poche donne nere nei ruoli di punte di diamante dei film. E questo non accade perchè non siamo in grado di esserlo, ma perchè c'è ancora molto da combattere. Per troppi anni non mi sono sentita bene nella mia pelle. Ho passato la maggior parte della mia vita a non sentirmi a mio agio. Ora non è più così. Ho capito che avrei dovuto costantemente combattere, per me, per i miei figli, per i miei diritti".

Viola Davis è stata una porta voce ante-litteram del Black Lives Matter, il movimento per i diritti dei neri nato per a seguito della morte di George Floyd a cui hanno preso parte molte star dello spettacolo. Per ulteriori approfondimenti, date uno sguardo alla nostra recensione di Widows.

Quanto è interessante?
6