Paolo Sorrentino, le lacrime a Venezia per il premio: "Sono emozionato"

Paolo Sorrentino, le lacrime a Venezia per il premio: 'Sono emozionato'
INFORMAZIONI FILM
di

Sono da poco stati annunciati i vincitori della 78esima edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, tenutasi come sempre a Venezia, che tra i vari ha visto Paolo Sorrentino trionfare con il suo nuovo film, È stata la mano di Dio. Il regista ha vinto il Leone d'Argento e si è mostrato visibilmente commosso.

Lacrime che non aveva versato neanche per l'Oscar, e che ci fanno comprendere quanto sia importante e personale questo film per lui. Il regista ha conquistato il Gran Premio della Giuria, che corrisponde ad un secondo posto, e ha ringraziato chi ha creduto in lui sin dal primo momento, Nicola Giuliano e la Indigo Film.

Ringraziamenti sinceri i suoi, e non di rito, che l'hanno visto commuoversi in più punti del discorso. "Dovete avere un po’ di pazienza perché sono leggermente emozionato" ha esordito Sorrentino. Poi è iniziata la lista. Ovviamente tra i tanti ha ringraziato la moglie Daniela D’Antonio e il fedele compagno di tutti i suoi film, Toni Servillo, che nella pellicola interpreta il padre del protagonista. Proprio in merito all'attore ha ricordato le battute di chi gli dice ogni volta "un altro film con Servillo?". Lui ribatte dicendo che con Toni al suo fianco è arrivato lontano.

Sorrentino racconta al pubblico anche di due scene tagliate. Nella prima ci sarebbe stato Maradona che ringraziava, in mezzo al campo. La seconda, invece, riguardava qualcosa di più personale per il protagonista e per lui stesso. Infatti nel film si racconta della scomparsa dei genitori di Fabietto Schisa, e per proprietà transitiva di Sorrentino. Proprio quest'ultimo ha ricordato che ai tempi il preside permise solo a quattro suoi compagni di andare ai funerali, ma che oggi può dirsi felice, perché c'è tutta la classe, ovvero una platea di persone che hanno applaudito alla visione della sua opera.

È stata la mano di Dio uscirà al cinema il 24 Novembre. Nel frattempo vi raccontiamo cosa ne abbiamo pensato nella nostra recensione.

Quanto è interessante?
1