Venezia 2011

Vanity Festival, nuova app di Vanity Fair che diventa quotidiano per la mostra del cinema

di

La nota rivista Vanity Fair ha lanciato una nuova app chiamata Vanity Festival, utilissima per sapere di tutto e di più sulla 68° Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, iniziata lo scorso 31 agosto ed in scena fino al 10 settembre, tutte le notizie su questi giorni veneziani direttamente nel vostro iPad. VANITY FAIR LANCIA LA NUOVA APP “VANITY FESTIVAL” E DIVENTA QUOTIDIANO PER LA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA. Vanity Fair sale sul tappeto rosso della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia e, fino al 12 settembre, si trasforma in un quotidiano per lanciare la sua prima versione iPad: "Vanity Fair Festival". Ogni giorno, per due settimane, i lettori potranno assaporare una nuova storia di copertina, ogni giorno ci si potrà tuffare nel programma degli eventi con tutte le notizie, le interviste, le polemiche, il gossip e le curiosità raccolte dagli inviati della redazione. Una speciale rubrica sarà dedicata alle "stelle delle stelle", con l'oroscopo dei divi firmato da Antonio Capitani e non mancheranno gli update, le immagini e i dietro le quinte dei party più esclusivi che accendono le notti del Festival, tra glamour e bollicine.

Le immagini degli abiti più belli del tappeto rosso sfileranno sugli schermi dei lettori e delle lettrici, con le gallery fotografiche e le pagelle moda e beauty. Ogni giorno si potrà poi ammirare un ritratto fotografico scattato da Fabrice dell'Anese e avere accesso alle videointerviste alle star italiane e internazionali, guardare i trailer dei film e i backstage dei servizi fotografici. Infine, da non perdere, gli aggiornamenti in tempo reale dei blog Venezia Live, la diretta Twitter e la possibilità di commentare, interagire e votare. Un'applicazione semplicissima e gratuita, scaricabile nella sezione "mode e tendenze" - dove si è posizionata in cima alla classifica - a questo link.

Quanto è interessante?
0
Vanity Festival, nuova app di Vanity Fair che diventa quotidiano per la mostra del cinema
Venezia 2011
Recensione Faust
Faust