Vandalizzato un cartellone di C'era una volta a Hollywood contro Polanski ed Epstein

Vandalizzato un cartellone di C'era una volta a Hollywood contro Polanski ed Epstein
di

L'attesissimo C'era una volta a Hollywood di Quentin Tarantino è approdato ieri nella sale americane, accompagnato a Los Angeles da un atto di vandalismo relativo a uno dei cartelloni pubblicitari del film, dove i volti di Brad Pitt e Leonardo DiCaprio sono stati cambianti con quelli di Roman Polanski e Jeffrey Epstein.

La parola Hollywood è stata poi sostituita con Pedowood, il che rende chiaro il perché del gesto, che si dimostra un atto di critica contro il settore e contro i vari nomi dei personaggi accusati di molestie sessuali. Un artista conosciuto come Sabo si è proclamato autore del gesto tramite il suo sito web ufficiale. Oltre al cartellone, inoltre, sempre lo stesso Sabo ha rivelato di aver modificato anche altri due poster di C'era una volta a Hollywood a Los Angeles, modificando il primo con i volti degli attori con quelli di Epstein e Woody Allen, mentre il secondo con quelli del Deputato Adam Schiff e l'immancabile Epstein.

Per chi non ne fosse al corrente, Woody Allen, Jeffrey Epstein e Roman Polanski sono stati nel tempo accusati di molestie sessuali. Le accuse contro Allen sono cadute sul piano penale già negli anni '90, ma il processo mediatico lo ha messo all'angolo almeno in America. Il finanziere Epstein è detenuto attualmente in prigione in attesa di processo con l'accusa di traffico sessuale minorile. Infine Polanski è stato accusato di aver drogato e stuprato nel 1977 una ragazzina di 13 anni, accettando un patteggiamento per l'accusa minore di rapporti sessuali illeciti.

C'era una volta a Hollywood è atteso nelle sale italiane il prossimo 19 settembre.

FONTE: Variety
Quanto è interessante?
7
Vandalizzato un cartellone di C'era una volta a Hollywood contro Polanski ed Epstein
C'era una volta a Hollywood