No Time To Die, l'uscita a novembre potrebbe fare più bene che male per il box office

No Time To Die, l'uscita a novembre potrebbe fare più bene che male per il box office
di

Non tutto il male viene per nuocere, e questo vale anche per il box office: se è vero che No Time To Die rischia di andare in perdita di circa $30 milioni nelle prossime settimane a causa del rinvio dell'uscita a novembre, alla fine la mossa potrebbe risultare vincente.

The Wrap infatti ha notato che, nella storia recente della celebre saga cinematografica con Daniel Craig, l'uscita autunnale ha portato soltanto a grandi vittorie: del resto alcuni franchise - come il Marvel Cinematic Universe - in genere ottengono dal 35% al ​​40% del totale dei loro incassi globali dal Nord America, ma altri - i film di James Bond in primis - nella quota domestica scendono al di sotto del 25%.

Quando Skyfall è uscito nei cinema nel 2012, è diventato il primo film di Bond a superare il miliardo in tutto il mondo con poco più di $1,1 miliardi. Di quel totale, $804 milioni di dollari, pari al 72,5%, provenivano da mercati esteri. Tre anni dopo, del totale di $880 milioni di dollari nel mondo, Spectre ottenne il 77% al di fuori degli Stati Uniti, ovvero $680 milioni. E sebbene la saga non sia mai andata forte in Cina, quel mercato è diventato sempre più redditizio negli ultimi anni, e al momento si trova al centro dell'epidemia di Coronavirus.

Per Skyfall, i ricavi complessivi in ​​Cina, Corea, Giappone e Italia sono arrivati ​​a poco meno di $125 milioni. Per Spectre sono stati di $133 milioni. L'intera industria cinematografica cinese è stata chiusa per combattere il coronavirus, mentre gli altri tre paesi - compreso il nostro - sono stati messi in ginocchio dal punto di vista della distribuzione e dell'affluenza degli spettatori nelle sale. Ma oltre questi quattro paesi, la preoccupazione per il virus ha creato disagio anche Francia e soprattutto nel paese natale di Bond, il Regno Unito, dove il virus non si è ancora diffuso ma sta iniziando a mettere radici con 115 casi (con due morti) segnalati ufficialmente.

Rinviando l'uscita si perderanno i costi di marketing spesi nelle scorse settimane, ma sul lungo termine l'attesa per il film aumenterà e questo fornirà un vantaggio alla MGM: inoltre, la nuova data di uscita accosterà No Time to Die al fine settimana del Ringraziamento in Nord America, che farà sicuramente aumentare la media di presenze e quindi di incassi. Tra l'altro non avrà rivali in quel periodo, con i suoi concorrenti che per ora sono film d'animazione Disney Raya and the Last Dragon - che si rivolge a un pubblico diverso - e il biopic sulle sorelle Williams King Richard.

Secondo voi la mossa si dimostrerà vincente? Ditecelo nei commenti.

FONTE: The Wrap
Quanto è interessante?
1