No Time To Die, easter egg e citazioni dell'ultimo film di James Bond

No Time To Die, easter egg e citazioni dell'ultimo film di James Bond
di

Prima dell'uscita di No Time To Die, il regista Cary Fukunaga aveva promesso che la pellicola numero 25 di James Bond si sarebbe ispirata molto ai film più classici della saga e non solo ai precedenti 4 film in cui il celebre agente segreto è stato interpretato da Daniel Craig.

Ecco quindi tutte le citazioni e gli easter egg contenuti in No Time To Die (allarme SPOILER per chi non ha ancora visto il film!), il film con cui Daniel Craig dice addio a James Bond.

1. Agente 007 - Licenza di uccidere (1962)

Anche se Safin non viene presentato come un nuovo Dottor No, l'influenza del primissimo film di James Bond si sente molto in No Time To Die. I titoli di apertura della nuova pellicola richiamano graficamente la sequenza d'apertura del film del 1962. Inoltre, quando vediamo il covo del perfido Safin su di un'isola remota, il richiamo al Dottor No di Agente 007 - Licenza di uccidere è inevitabile.

2. Vesper Lynd

In No Time To Die fa il suo ritorno Vesper Lynd, direttamente da Casino Royale (2006), la prima pellicola con Daniel Craig nei panni di James Bond. In una scena del nuovo film ambientata a Matera, James Bond visita la tomba di Vesper Lynd. L'agente segreto scrive le parole "Forgive me" (ovvero "Perdonami") in un bigliettino per poi bruciarlo davanti alla sua lapide. Anche questo è un richiamo alla visita alla tomba di Tracy in Solo per i tuoi occhi (1981).

3. "We Have All the Time in the World"

No Time To Die rende omaggio all'unico film in cui James Bond è interpretato da George Lazenby: si tratta di Agente 007 - Al servizio segreto di Sua Maestà (1969), pellicola nettamente rivalutata dai fan della saga negli ultimi anni. Il richiamo al film è presente nella colonna sonora, con il ricorrere della canzone "We Have All the Time in the World", citata anche dallo stesso Bond quando dichiara il suo amore a Madeleine prima di sacrificarsi per salvare la sua vita e quella delle loro figlie. La musica di Louis Armstrong accompagna inoltre i titoli di coda.

4. Le auto d'epoca

In No Time To Die riappaiono due auto legate alla storia di James Bond. Si tratta dell'iconica Aston Martin DB5 guidata da Bond alla fine di Spectre (2015). Inoltre, quando James Bond fa ritorno a Londra, lo vediamo al volante di una Aston Martin V8 Vantage con targa B549 WUU, chiara citazione alla pellicola 007 - Zona pericolo (1987).

5. Felix

In No Time to Die Jeffrey Wright torna nei panni di Felix Leiter, ma non si tratta di una reunion felice per Bond. Dopo che l'agente segreto aiuta la CIA a ritrovare lo scienziato Valdo Obruchev, il nuovo collega di Felix Leiter, Logan Ash, lo tradisce e gli spara, fuggendo con Obruchev. Quando Bond vendica la morte di Felix uccidendo Ash, Bond gli dice che si tratta di una vendetta per aver ucciso "suo fratello", richiamando il primo incontro tra Bond e Leiter, in cui il secondo si dichiara il "fratello di Langley", la città della Virginia in cui ha sede la CIA.

6. "Capisco perché gli hai sparato"

Il ritorno di Bond alla sede del MI6 vede la reunion dell'agente segreto con i suoi vecchi colleghi. In questa occasione, una frase della nuova arrivata Nomi cita direttamente la drammatica sequenza di apertura di Skyfall (2012), in cui Moneypenny spara accidentalmente a Bond, dicendole "Capisco perché gli hai sparato".

7. I dipinti di M

Nella sede dei servizi segreti inglesi in No Time To Die i vari interpreti di M non sono stati dimenticati: infatti, ritroviamo Bernard Lee, Robert Brown e Judi Dench nei ritratti appesi alle pareti del MI6. Inoltre, quando Bond recupera la sua Aston Martin V8 Vantage, vediamo che ha ancora con sé il piccolo bulldog che la M di Judi Dench gli ha lasciato in eredità in Spectre (2015)..

8. Il giardino di Safin

Le immagini del covo di Safin contengono una citazione ai romanzi originali di Ian Fleming: infatti, Safin ha un "giardino dei veleni" che rimanda al "Garden of Death" del romanzo You Only Live Twice (1964).

9. L'iconica sequenza "gun barrel"

Come ogni Bond-movie che si rispetti, anche No Time To Die si apre con la classica sequenza in cui vediamo James Bond racchiuso in un cerchio, come se la macchina da presa fosse all'interno di una canna di pistola (da qui il nome "gun barrel").

Ecco tutte le citazioni e i riferimenti alla storia di James Bond contenuti nell'ultimo film No Time To Die, l'ultimo per Daniel Craig che ha affermato che sarà ricordato come un James Bond molto scontroso. E voi avete notato questi easter egg? Fatecelo sapere nei commenti!

Quanto è interessante?
4