Tilda Swinton confessa:"Mi sono sempre sentita queer, stavo solo cercando il mio circo"

Tilda Swinton confessa:'Mi sono sempre sentita queer, stavo solo cercando il mio circo'
di

La star di Doctor Strange, Tilda Swinton, ha rilasciato una nuova intervista nella quale dichiara di essersi sempre identificata come queer e svela come il percorso della sua carriera l'abbia aiutata ad incontrare delle persone uniche, in grado di aiutarla a trovare un senso di appartenenza e identità. Ecco le sue dichiarazioni più importanti.

Intervistata da Vogue, Tilda Swinton ha dichiarato:"Essere queer, in realtà, per me, ha a che fare con la sensibilità. Ho sempre sentito di essere queer - stavo solo cercando il mio circo queer, e l'ho trovato. E dopo averlo trovato, ho capito che era il mio mondo".
Swinton ha citato anche diversi cineasti che l'hanno aiutata nel suo processo di comprensione:"Ora ho una famiglia con Wes Anderson, ho una famiglia con Bong Jong-ho, ho una famiglia con Jim Jarmusch, ho una famiglia con Luca Guadagnino, con Lynne Ramsay, con Joanna Hogg".

Molti fan non saranno stupiti dalle dichiarazioni di Tilda Swinton, da tempo considerata un'icona queer grazie al suo aspetto unico e alla sua scelta di ruoli, ben lontani dalle tipiche rappresentazioni di personaggi fissate per genere.
Gli appassionati si ricordano Tilda Swinton nella versione androgina dell'angelo Gabriel in Constantine così come la sua versione del mistico in Doctor Strange.
Col passare del tempo Tilda Swinton sarà probabilmente ricordata anche per essere una delle star che ha contribuito alla causa queer.

Nelle ultime settimane Elliot Page ha annunciato di essere transgender. Nei giorni successivi Page ha ottenuto il supporto pubblico da parte del cast di The Umbrella Academy, show Netflix in cui l'attore ha recitato negli ultimi tempi.

FONTE: Comicbook
Quanto è interessante?
6