Thor: Ragnarok, Taika Waititi parla della libertà creativa della Marvel

di

In attesa di vedere qualcosa in più dall'atteso Thor: Ragnarok, Indiewire ha parlato con il regista della pellicola, Taika Waititi, che ha parlato del progetto e del lavorare insieme alla Marvel.

"Ero un fan dei fumetti da ragazzino. Li collezionavo, li ho messi tutti in una busta di plastica e tutto il resto. Ero un vero fan, quindi non sto dirigendo un cinecomic senza sapere nulla a riguardo" ha spiegato Waititi "Lavorare a Thor: Ragnarok è stato grandioso, una bella esperienza. Siamo stati d'accordo su ogni cosa, soprattutto sul tono. Quella era la cosa più grande per me. Non m'interessa se qualcuno vuole cambiare i costumi o vuole rendere uno sfondo blu anziché rosso, per me è importante il tono, per me sono importanti i personaggi. E credo di esser riuscito ad ottenere tutto questo".

"Quel che è bello riguardo la Marvel è che non ci sono cosi tanti tizi, come negli altri studios, che ti mandano le note sul come modificare un copione" spiega "Sono stato veramente fortunato perché ho avuto tanta libertà creativa. Ma non volevo essere il tizio che viene dalla Nuova Zelanda e vuole reinventare Thor o il genere del cinecomic. Marvel ha dimostrato di sapere quel che fanno con i precedenti 12 film - o quanti essi siano".

FONTE: Indiewire
Quanto è interessante?
0