Marvel

Thor, Kenneth Branagh su Chris Hemsworth e Tom Hiddleston: "Scelta storica per la Marvel"

Thor, Kenneth Branagh su Chris Hemsworth e Tom Hiddleston: 'Scelta storica per la Marvel'
di

Nel corso di una recente intervista promozionale Kenneth Branagh, celebre attore e regista inglese conosciuto dai fan Marvel Studios come l'uomo dietro al successo del primo stand-alone su Thor, ha spiegato perché non tornò per dirigere anche il sequel Thor: Dark World.

Non c'è dubbio che, a livello di tono, Thor sia stato un grande passo dopo l'enorme successo del brillante Iron Man di Mr. Favreau e Robert Downey Jr., e poi il leggermente meno riuscito The Incredible Hulk, per gli standard della Marvel" ha detto Branagh a Collider. "Thor divenne importante anche per essere stato il film che ha fatto da ponte - e c'è davvero un ponte arcobaleno nel film - tra i film ambientati sulla Terra e quelli legati allo spazio e alla fantasia dell'universo Marvel. C'è una sorta di matrice connettiva tra Thor, Asgard, i Nove regni e tutto ciò che l'universo Marvel avrebbe esplorato in seguito con altri film spaziali, elementi estremamente importanti che però non potevano essere trattati dal geniale Capitan America - Il Primo Vendicatore, perché non era lo stesso materiale."

Branagh ha anche ricordato che, secondo Kevin Feige, scegliere gli attori giusti per Thor e Loki sarebbe stata la decisione più importante che la compagnia avrebbe preso: "Non dimenticherò mai il momento in cui abbiamo scelto quei due ragazzi, Chris Hemsworth e Tom Hiddleston. Era come una sorta di meditazione o una sorta di incantesimo ... Kevin mi disse: 'Non prenderemo mai una decisione più importante in questa compagnia. O funzionerà o no. In bocca al lupo.'"

Infine, il regista ha anche spiegato come mai non tornò per la regia di Thor: The Dark World, che venne affidata ad Alan Taylor. "Quando il primo fu finito, mi resi conto che sostanzialmente erano passati tre anni della mia vita, che furono fantastici ma richiesero del tempo per ricaricare le energie. Ero semplicemente esausto, e non ero pronto per un altro film. Mi ha cambiato la vita e ha cambiato la mia carriera e sono profondamente grato a Thor, ma in quel momento ero stanchissimo!"

Recentemente il regista ha aperto alla possibilità di un ritorno in casa Marvel; per altri approfondimenti vi rimandiamo alla recensione del suo sfortunato Artemis Fowl.

FONTE: Collider
Quanto è interessante?
1