The Suicide Squad, il produttore ammette: "È come essere nella testa di James Gunn"

The Suicide Squad, il produttore ammette: 'È come essere nella testa di James Gunn'
di

The Suicide Squad proviene dalla "mente orribilmente bella" dello sceneggiatore-regista James Gunn e il produttore Peter Safran ha affermato che la "visione non filtrata" del film di Gunn sullo schermo rispecchia davvero "cosa vuol dire essere dentro la sua testa" .

Per il suo primo film nel DC Extended Universe, Gunn ha immaginato un grintoso e cruento film e non lo ha cambiato di una virgola.

"James Gunn ha parlato di un sacco di diverse proprietà DC, ci ha pensato, è andato via, ha fatto un giro, e mi ha richiamato e ha detto: 'Ho un'idea per Suicide Squad, ma questo è l'unico modo in cui voglio farlo. È un film di guerra degli anni '60 e questo è quello che voglio che sia" e mi ha raccontato la storia", ha detto Safran, il produttore dietro Aquaman e Shazam!, al podcast di Deadline sul portare Gunn nell'universo DC.

"Ho detto: 'È completamente pazzesco, ma perfetto, e perfetto per te.' Lo abbiamo presentato al Presidente del gruppo Warner Bros. Pictures Toby Emmerich e al presidente DC Films Walter Hamada e al VP Sr. DC Films Chantal Nong alla DC, e ciò che ha presentato loro quel giorno, il 23 settembre 2018, è esattamente il film che abbiamo realizzato e consegnato. Non è cambiato di una virgola".

Ciò include il debutto del supercriminale Starro, una creatura aliena che ha conquistato il mondo, nota per aver unito la prima iterazione della Justice League nei fumetti DC.

"Letteralmente nulla è cambiato. James sapeva esattamente il film che voleva fare, e questo è il film che ha consegnato", ha proseguito Safran. "Penso che sia questo il motivo per cui le persone hanno risposto in modo così bello, sia la critica che il pubblico. Se ti sei mai chiesto com'è essere nella testa di James Gunn, questo film risponde a questa domanda perché è la visione non filtrata di quello che voleva fare. È esattamente il suo film".

Starro c'era fin dall’inizio ha continuato Safran: "Ci siamo seduti nell'ufficio di Toby e Gunn ha detto: 'Oh, e una stella marina rosa di 150 piedi combatterà, ad un certo punto, la Suicide Squad.' Nessuno ha battuto ciglio perché, con un ragazzo come James Gunn, ti fidi del suo istinto. È prima di tutto un fanboy, è incredibilmente ben informato sulla DC Comics e, ovviamente, anche sulla Marvel Comics. Sa cosa il pubblico vuole vedere e lui lo realizza." Inoltre, secondo il produttore il licenziamento di Gunn da parte della Disney è stato un errore ma ha favorito la DC e Warner Bros.

Vi lasciamo con la nostra recensione di The Suicide Squad - Mission Suicida in uscita il 5 agosto al cinema.

FONTE: CB
Quanto è interessante?
3