The Suicide Squad, ecco cos'è successo ad Harley Quinn dopo Birds of Prey

The Suicide Squad, ecco cos'è successo ad Harley Quinn dopo Birds of Prey
di

Appurato ormai da tempo il fatto che The Suicide Squad non debba essere visto come un sequel del film del 2016, è comunque impossibile non trovare nella Harley Quinn di Margot Robbie un elemento di continuità con il film di David Ayer e con il più recente Birds of Prey, con la storyline di quest'ultimo che va in effetti considerata canonica.

La domanda, dunque, sorge spontanea: cos'è successo alla nostra Harley (dalla quale, per inciso, Margot Robbie non sembra intenzionata a prendersi pause) dopo Birds of Prey? Cos'ha portato l'ex-compagna/complice di Joker a trovarsi nuovamente invischiata in affari del genere?

A spiegarcelo è proprio il film di James Gunn: durante The Suicide Squad, infatti, scopriamo come la fuggitiva Harley del finale di Birds of Prey sia letteralmente entrata in una banca con la sua macchina durante una delle sue scorribande, finendo inevitabilmente per essere nuovamente arrestata dopo esser sfuggita più volte al suo destino.

Insomma, la solita condotta decisamente sopra le righe che rende la nostra un bersaglio piuttosto facile per le forze dell'ordine: ecco spiegato, dunque, il fatto che Harley sia perfettamente arruolabile per questa nuova squadra suicida all'inizio del film fresco d'esordio in sala. Ma scostiamoci un secondo dall'ambiente DC: in The Suicide Squad, infatti, c'è un crossover con Guardiani della Galassia che non tutti hanno notato.

FONTE: comicbook
Quanto è interessante?
3