The Prestige, Hugh Jackman: "Ecco come Nolan mi convinse a dividere la roulotte con Bale"

The Prestige, Hugh Jackman: 'Ecco come Nolan mi convinse a dividere la roulotte con Bale'
INFORMAZIONI FILM
di

Continua la versione virtuale della serie Actors on Actors di Variety, in cui due attori si intervistano a vicenda. Questa volta è il turno di Hugh Jackman e Anne Hathaway, che tra le altre cose, ricordano come fosse lavorare su un set di Christopher Nolan.

"Tu hai lavorato con tre registi che non permettono di usare il cellulare sul set, e uno di questi è Christopher Nolan" ricorda Anne a Hugh, aggiungendo anche che sui set di Nolan non si trovano nemmeno le sedie.

"Non permette neanche di usare le sedie. La ragione è che, se ci sono delle sedie, la gente si vorrà sedere, e se sta seduta, vuol dire che non sta lavorando. E considerando che nonostante i suoi film siano così incredibili in termini di dimensioni e ambizione e prodezze tecnologiche, ed emozioni, riesce sempre a finire di girare prima del previsto, e mai sforando con il budget, potrebbe avere ragione per quanto riguarda le sedie..." rivela l'interprete di Catwoman nel Batman di Nolan.

E a proposito delle regole del regista di Tenet sul set, Jackman racconta di ciò che Nolan gli disse prima di girare The Prestige.

"Il mio avvocato stava vedendo gli ultimi dettagli per firmare il contratto per The Prestige, quando mi chiama e mi fa 'Senti, abbiamo un problema con il trailer. Chris vuole che per ogni trailer ci siano due persone, quindi non puoi averne uno tutto per te'" esordisce, spiegando che di norma, è un po' un simbolo per un attore avere il proprio trailer (roulotte), e che si lavora sodo per guadagnarselo, specialmente perché poi durante i mesi sul set sarà anche un po' una "seconda casa".

"Io non ho mai avuto molte esigenze per quanto riguarda queste cose, però sai, è bello dopo tanti anni di duro lavoro avere il proprio trailer. Così gli ho detto 'Parliamo con Chris?. E Nolan ci dice 'Ok, ecco come stanno le cose: capisco perfettamente il bisogno di avere un proprio trailer, ma tu e Christian Bale lo condividerete, e io ti prometto che non vi vedrete lì dentro per più di un'ora al giorno, e che ogni giorno concluderemo le riprese per le 7 di sera. E poi potrete andare a casa'. Ed è stato di parola!" conclude "Voglio dire, a cosa ti serve un appartamento su rotelle se lavori tutto il giorno e non ci sei mai, giusto?".

Per ulteriori stralci dall'intervista potete dare un'occhiata ad altri pezzi come l'emozionante ricordo sull'addio di Hugh a Wolverine o come sono diventati amici Hugh Jackman e Anne Hathaway.

FONTE: Variety
Quanto è interessante?
1