The Predator: ecco a voi tantissimi "succosi" dettagli sul reboot R-Rated (Parte 1)

di

Il reboot di The Predator è al momento in fase di produzione e una manciata di giornalisti è stata recentemente invitata sul set. Ciò che hanno riportato, sono 17 spoilerosi dettagli sul nuovo film R-Rated! In questa prima news ci sono i primi 10 "hint", ne seguiranno poi altri 7!

1- L'ambientazione prima di tutto!
Nonostante le voci secondo cui la stragrande maggioranza di The Predator sarà ambientata nei sobborghi, Shane Black ci ha tenuto a specificare che solo alcune delle scene sono effettivamente ambientate lì e lo sono "nella misura in cui questo accade in una piccola città; è solo una parte del film. Voglio dire, ci sono scene ambientate nelle strade suburbane, ma l'idea che si tratti di un club del Mahjong che combatte un Predator beh no, non è quello che succederà."


2- Tre trame saranno unite in una sola, alla fine
Il primo trailer di The Predator ha mostrato diversi personaggi e trame contrapposte, ma solo alla fine i personaggi si uniranno in un'unica storia. Dovrà passare cioè del tempo, prima che le loro vicende si uniscano. "Il film inizia con due storie diverse", ha spiegato Olivia Munn. "Ci sono [i] soldati e il loro incontro con il Predator." E poi dall'altra parte, questa storia che riguarda invece il mio personaggio, una biologa evolutiva, che si ritrova nella lista della CIA." La Munn interpreta infatti una scienziata che tenta di aiutare il governo ad indagare sugli attacchi dei Predator, e la sua storia si lega, alla fine a quella di un ragazzo che, come si vede nel trailer, entra in possesso di tecnologia Predator e, inavvertitamente, finisce nel loro mirino.

3- Non è un solo genere cinematografico
Shane Black dice di aver deciso di realizzare un film di Predator che è un po' thriller vecchia scuola, ma che gli ricorda anche la cultura da nerd in cui è cresciuto. E al riguardo ha detto: "ci sono spie, romanticismo, mistero - riempiamo tutto il genere in un solo pacchetto, così si possono, letteralmente, cogliere le diverse sfaccettature del film."


4- Questo film espanderà la mitologia del franchise The Predator
Il regista ha spiegato: "Abbiamo cercato di prendere la mitologia già esistente e fare un ulteriore passo avanti. Ci siamo posti alcune domande sui perché, per esempio: perché i predatori fanno quello che fanno? Quale potrebbe essere il prossimo passo per loro, ci siamo chiesti? Come possiamo alzare la posta in gioco in modo che non ci sia un solo predatore che caccia un gruppo di soldati? Chi sono i soldati? Sono diversi? Qual è il livello di eroismo e, soprattutto, come possiamo rendere questi personaggi qualcosa di più che semplici ragazzoni muscolosi dalla parlantina sboccata e dalle braccia enormi?"

5- Shane Black ha anche voluto esplorare la "Mitologia Aliena"
O meglio, "Si tratta del mito dell'incursione aliena", ha detto il cineasta del suo diverso approccio agli iconici alieni. "Si tratta di guardare i cieli e, fondamentalmente, di sentirsi inadeguati. Sono ragazzi che dubitano di sé stessi, che hanno abilità, ma non credono di essere veramente capaci di affrontare ciò che si contrapporrà loro, e c'è poi, anche il brivido della caccia".

6- Cosa significa davvero un'invasione?
Il regista spiega che "The Predator esplora ciò che accade quando il Predatore colpisce; parla di queste incursioni, che non sono solo un fenomeno noto a pochi, ma sono arrivate all'attenzione dell'establishment, che dunque prepara l'esercito per cercare di combattere questa minaccia."

7- I Predatori potrebbero avere in serbo grandi progetti per la Terra.
Nei precedenti film del franchise, i Predatori non volevano altro che uccidere, uccidere e uccidere. In questo reboot, è probabile invece che questi esseri abbiano piani decisamente più articolati in mente... "Cosa potrebbe accadere se i Predatori avessero delle ambizioni un po' più spiccate rispetto al passato?" Chiede Black, stuzzicandoci sull'eventualità che ci sia un piano, dietro l'invasione:"Magari non si tratta più di un solo fine settimana!"

8- The Predator non sarà ambientato durante le festività natalizie!
Come tutti (o quasi), gli altri film di Shane Black!

9- Sarà comunque ambientato a circa 30 anni dall'Originale The Predator

10- Il film mescolerà effetti "pratici" e avanzate tecniche digitali
Per portare in vita i Predator, verrà utilizzata una combinazione di effetti digitali e pratici. "Sono molto aperto alle tecniche digitali, ma so anche che l'occhio non può essere facilmente ingannato", spiega Black. "E l'occhio sa quando viene ingannato, quindi se si tratta di una ripresa digitale, deve sembrare comunque molto reale, pertanto useremo metà digitale, metà scultura."

Nella prossima news, troverete gli ultimi sette dettagli scoperti dai presenti sul set di The Predator.

Quanto è interessante?
2