The New Mutants, scioccanti retroscena dalla Fox: il film ha rischiato grosso

The New Mutants, scioccanti retroscena dalla Fox: il film ha rischiato grosso
di

Vulture ha scoperto diverse informazioni inedite che riguardano The New Mutants, grazie ad alcune fonti vicine alla produzione. Sappiamo di recente che il film doveva essere ambientato negli anni '80, in maniera tale da collegarlo a X-Men: Apocalisse e alla timeline del franchise principale. Il flop di X-Men tuttavia ha cambiato i piani.

A questo punto il piano di Josh Boone e del co-sceneggiatore Knate Lee di realizzare 'un horror ibrido in stile Breakfast Club' è stato respinto dallo studio. Una volta terminate le riprese pare che Fox fosse davvero delusa del montaggio. Così tanto da pensare di rigirare completamente il film, ricominciando da zero.
Questo spiegherebbe il rinvio del film ma ulteriori dettagli riguardano lo script.

La sceneggiatura iniziale di Boone e Lee sarebbe stata troppo tagliente e avrebbe dovuto essere attenuata. Josh Boone si sarebbe spinto troppo oltre, deludendo le aspettative della Fox. Diversi personaggi erano stati caratterizzati in maniera troppo estrema, tanto che lo studio decise d'ingaggiare altri sceneggiatori per aiutare e correggere il lavoro di Boone e Lee.
La colpa di questi intoppi sembra rimbalzarsi tra produzione e parte creativa ma alla fine Fox è tornata sui suoi passi, decidendo di non tornare a lavorare da zero sul progetto.
Josh Boone ha criticato Star Wars: L'Ascesa di Skywalker, affermando come sia pessima la rappresentazione LGBTQ del film.
Boone tuttavia ha altri problemi proprio con il suo film; la critica non vuole recensire The New Mutants, con una motivazione ben precisa.

Quanto è interessante?
1