The Last Duel: qual è la vera storia dietro al nuovo film di Ridley Scott?

The Last Duel: qual è la vera storia dietro al nuovo film di Ridley Scott?
di

Ridley Scott sta tornando con tre film importanti, il primo dei quali sarà The Last Duel, con un cast corale che include Matt Damon, Ben Affleck, Adam Driver e Jodie Comer.

The Last Duel, che si è mostrato col primo trailer ufficiale, racconterà la storia del nobile francese Sir Jean de Carrouges IV, interpretato da Matt Damon, che nel 1386 ha combattuto contro il suo ex amico Sir Jacque Le Gris (Adam Driver), accusato di aver violentato e ingravidato sua moglie, Marguerite (Jodie Comer), alla fine del mese di gennaio. Ma qual è la vera storia da cui The Last Duel ha tratto ispirazione? Vediamo insieme come sono andate le cose, ovviamente vi avvertiamo che più avanti potrete incontrare spoiler sulla trama del film.

Il primo processo penale si concluse con l'assoluzione di Le Gris, aiutato - secondo alcune fonti - dal giudice locale, che si diceva fosse suo amico. Lo stesso giudice ha poi accusato Marguerite di aver inventato la storia, ma Carrouges e sua moglie erano talmente convinti che sarebbe stato un processo farsa che non hanno neppure testimoniato. Invece, il cavaliere si recò a Parigi per appellarsi al Parlamento e al re (Ben Affleck). Il Parlamento tenne un processo e ascoltò le prove nell'estate del 1386. Tuttavia, la mancanza di altri nobili testimoni rischiava di minare il caso, nonostante la commovente e convincente testimonianza convincente della moglie del cavaliere, in tutto questo, ricordiamo, incinta. Addirittura i servi di classe inferiore interrogati al processo vennero prima di tutto torturati, per assicurarsi che non stessero mentendo nel sostenere la colpa di Le Gris. Il Parlamento, però, ha faticato a raggiungere un verdetto finale.

Carrouges alla fine ha pensato che l'unico modo per ottenere giustizia per sua moglie, piuttosto che rischiare che Le Gris se ne andasse impunemente, fosse cercare un "duello giudiziario": ovvero una lotta all'ultimo sangue contro Le Gris, per lasciare che Dio decidesse chi stava dicendo la verità. Ma se Carrouges avesse perso e fosse morto, anche sua moglie sarebbe stata bruciata viva sul rogo per aver mentito di fronte a Dio. Al contrario, l'eminente Le Gris avrebbe potuto chiedere un giudizio finale in un processo ufficiale tenuto dalla Chiesa, che ovviamente non avrebbe portato alla morte di nessuno, tuttavia il guerriero accettò i termini per combattere la sua nemesi. A quel punto al re di Francia e al Parlamento di Parigi non restò che ufficializzare il duello.

Quasi un anno dopo il presunto assalto, i due uomini hanno combattuto davanti ad una folla enorme a Parigi e alla corte reale, incluso il re. La sanguinosa battaglia si tenne alla fine di dicembre, e si concluse con la morte di Le Gris. Ma la polemica non morì con lui: il cavaliere infatti aveva assunto uno dei più importanti avvocati francesi dell'epoca, Jean Le Coq, i cui dettagliati resoconti del caso sono stati la base per gran parte degli scritti su questo evento storico, ancora oggi famosissimo in Francia.

Ma, al di là del giudizio di Dio, chi dei due cavalieri aveva ragione? Alcuni sostenitori di Le Gris e soprattutto i suoi parenti hanno continuato a lottare in tribunale per riabilitare il suo nome. Del processo l'opinione pubblica continuò a dibattere a fasi alterne fino alla fine del XIX secolo, quando l'ultimo parente vivente di Le Gris pubblicò un libro che sosteneva l'innocenza del suo antenato (anche se la maggior parte degli storici ritiene che Le Gris fosse probabilmente colpevole).

Vedremo se Ridley Scott si atterrà ai fatti con The Last Duel o se se concederà qualche licenza 'cinematografica'. Nel frattempo, diteci: conoscevate già questa storia? Fatecelo sapere nei commenti!

Quanto è interessante?
2