The King's Man, Harry Dickinson e Gemma Artenton: "È un film contro la guerra"

The King's Man, Harry Dickinson e Gemma Artenton: 'È un film contro la guerra'
di

A gennaio arriverà finalmente al cinema The King's Man - Le Origini, l'atteso prequel di The Kingsman con protagonisti Harry Dickinson, Ralph Fiennes, Gemma Artenton e tante altre stelle del grande e piccolo schermo. E proprio Dickinson e Artenton si sono soffermati a parlare del messaggio anti-guerra che vuole trasmettere il film.

Intervistati da Murphy's Multiverse, Harry Dickinson e Gemma Artenton hanno riflettuto sul tipo di messaggio che il nuovo film di Matthew Vaughn, con tutte le sue scene di lotta, combattimenti ed esplosioni, vuole in realtà trasmettere.

E quando l'intervistatore nomina il termine "anti-guerra", i due non possono che concordare.

"Credo sia un'osservazione astuta. Penso che ciò che sia più interessante riguardo al personaggio di Ralph [Fieenes], ciò che cerca di provare essenzialmente è che ci sono modi migliori per risolvere i conflitti. Sia che si tratti della guerra vera e propria, come vediamo nel film, o che si parli di altri conflitti in generale. Abbiamo avuto una lunga e terribile storia di guerre, e il costo di vite umane è stato devastante. Quindi sì" afferma Dickinson.

E subito Artenton aggiunge: "Sì, penso sia così. Credo che sia un messaggio che Matthew volesse trasmettere, e in cui crede fermamente. Quest'agenzia, la Kigsman, è stata creata perché sapete, ci saranno sempre dei conflitti, è inevitabile. Ci saranno sempre delle persone in disaccordo, e delle potenziali guerre in agguato. Quindi Kingsman è stata creata per proteggere da questo, e cercare di prevenirlo. Credo si possa ritenere una sorta di organizzazione pacifica che utilizza le armi e la violenza per impedire che queste cose accadano. Quindi sì, è il messaggio del film"

E voi, quanto attendete The King's Man - Le Origini?

Quanto è interessante?
6