The Irishman, per Robert De Niro troppi VFX sono "un altro tipo di intrattenimento"

The Irishman, per Robert De Niro troppi VFX sono 'un altro tipo di intrattenimento'
di

Ospite al London Film Festival per l'anteprima nazionale di The Irishman, Robert De Niro ha detto la sua sulla questione tecnologica sollevata ne giorni scorsi da Martin Scorsese, il quale ha affermato che gli effetti speciali del film sono meglio del classico make-up.

"Le cose tecnologiche possono andare solo un po' lontano" ha detto l'attore durante una sessione di Q&A (via Screen Daily) "Non cambieranno il resto. E a quel punto, se lo faranno, saranno qualcosa che non sono più persone, non sono più umane. Può essere un altro tipo di intrattenimento, come i fumetti della Marvel. Le cose da personaggi dei fumetti, da cartoni animati."

Come abbiamo potuto vedere nelle foto di The Irishman pubblicate da Netflix, che pubblicherà il film a novembre, gli effetti speciali hanno permesso a De Niro di vestire i panni dello stesso personaggio in quattro diverse generazioni.

Rispondendo alle altre domande dei presenti, De Niro ha citato Christian Bale, Bradley Cooper, Stephen Graham e Cate Blanchet come esempio di attori contemporanei che ammira.

The Irishman vedrà nel cast anche Joe Pesci e Al Pacino, alla sua prima collaborazione con Scorsese, e debutterà in alcune sale selezionate a inizio novembre per poi debuttare su Netflix il 27 novembre. Guardate il trailer ufficiale di The Irishman.

Quanto è interessante?
2