Netflix

The Irishman: Robert de Niro parla del rapporto con Scorsese e del sequel di Taxi Driver

The Irishman: Robert de Niro parla del rapporto con Scorsese e del sequel di Taxi Driver
di

L'anno prossimo Netflix lancerà The Irishman, non solo il nuovo film di Martin Scorsese ma anche il ritorno di Martin Scorsese al genere gangster: durante il Marrakech International Film Festival, il leggendario Robert De Niro ha parlato dell'opera e della sua amicizia con il regista.

"Sono stato molto fortunato ad avere questa strana relazione con Marty, chiamiamola relazione creativa. Tutti e due ne abbiamo beneficiato. Penso che quando si invecchia a volte si diventa più sentimentali. Ti rendi conto di dove stai andando e che ogni cosa che fai potrebbe essere l'ultima. E' anche per questo che ho accettato di fare questo film."

Costato ben 140 milioni di dollari, The Irishman sarà il nono film di Scorsese insieme a De Niro, e sarà pubblicato su Netflix nel corso del 2019. Il film è stato scritto da Steve Zaillian ed è basato sul libro di Charles Brandt, I Heard You Paint Houses: la storia racconta la vita di Frank Sheeran, leader sindacalista e sicario della famiglia criminale Bufalino e il suo coinvolgimento nell'uccisione di Jimmy Hoffa, interpretato da Al Pacino.

Si tratta della quarta collaborazione fra De Niro e Pacino (dopo Il Padrino: Parte II, Heat, e Sfida Senza Regole), ma solo la prima tra il regista e l'interprete di Michael Corleone. De Niro, però, non si è intromesso fra i due: "Non ho dovuto mediare in nessun modo, sono entrambi professionisti straordinari."

Riguardo la polemica di Netflix, l'attore ha dichiarato: "C'erano stati un sacco di studi interessati al progetto, chiaramente, e molte discussioni su chi avrebbe messo tutti quei soldi. Quando è arrivato Netflix, so che ha scatenato molte polemiche. Martin vuole che il film sia proiettato al cinema, e Netflix lo accontenterà. So che ci sono molte discussioni riguardo questa cosa, riguardo Netflix e il cinema e lo stato del cinema odierno, ma l'unica cosa che so è che The Irishman andrà al cinema."

Nel film saranno presenti anche altri frequenti collaboratori di Scorsese e De Niro, vale a dire Joe Pesci (che interpreterà Russell Bufalino) e Harvey Keitel. De Niro ha rivelato che il casting non è stato casuale, anzi Scorsese voleva riunire la vecchia banda.

"Era la cosa giusta da fare con questo particolare progetto, ecco perché ci è voluto molto tempo per poterlo realizzare. E' stata una grande esperienza, una delle migliori della mia carriera, e anche una grandissima sfida. L'idea era di tornare indietro di quattro, forse cinque decenni. Quindi Marty voleva anche che gli effetti speciali fossero al top per poterci permettere di ringiovanire con il computer. Era una cosa che non vedevo l'ora di sperimentare! Tornare ad essere giovani! Nessuno ci ha truccato prima dei ciak, a volte usavamo addirittura film di quando avevo 50 anni, per i miei primi anni, ma sempre senza trucco. Quindi sono molto curioso di vedere come apparirà quando il film sarà pronto."

De Niro ha anche ammesso di essere cambiato rispetto a quegli anni. "Alcune cose cambiano, cerco di concentrarmi su ciò che è assolutamente necessario fare rispetto a quello che vuoi fare. Quando ero giovane ero molto ansioso e meno rilassato riguardo a queste faccende. Più invecchio e vado sui set e recito, più penso che andrà tutto bene, che sarò bravo e che il film avrà successo. E' un approccio diverso, quando ero giovane volevo dimostrare ogni volta di essere il migliore."

Ci ha provato anche con qualche film da regista, con l'esordio nel 1993 (A Bronx Tale), cui è seguito nel 2006 The Good Shepherd, con Matt Damon. A proposito di quell'esperienza, De Niro ha detto: "Anche se il film non è stato così ben accolto, mi sarebbe piaciuto farne un sequel. Ma non so chi sarebbe andato a vederlo, in effetti. Avevo avuto una grande idea, so che era una grande idea. Ho cercato di coinvolgere Eric Roth ma quando lavoro su qualcosa, se le persone che mi circondano non dimostrano lo stesso entusiasmo, allora io perdo interesse. Sono fatto così. Ci sono momenti in cui mi dicevo: 'Lo faremo a prescindere da ogni cosa, faremo qualche modifica o passeremo la palla ad un altro sceneggiatore', ma poi non l'ho mai fatto. Il progetto si è fermato. Forse domani arriverà un produttore con i soldi necessari, e allora lo faremo. Chissà. Con Marty però è diverso. Voglio assicurarmi che tutto sia nel miglior modo possibile e voglio contribuire al suo lavoro."

Inoltre, De Niro ha parlato di un eventuale sequel di Taxi Driver. "Per anni ho pensato a cosa è successo a Travis Bickle dopo la fine del film, e ne abbiamo anche parlato con Marty. Mi pare di ricordare che Paul Schrader avesse scritto qualcosa in proposito, delle bozze o che so io. Ma non ha mai funzionato del tutto. Penso che ci possa essere qualcosa di interessante riguardo a ciò che gli è successo, ma non siamo mai riusciti a trovare la cosa giusta."

The Irishman arriverà su Netflix e in selezionate sale cinematografiche nel corso del 2019.

Quanto è interessante?
1

Gli ultimi Film in uscita in Homevideo BluRay e DVD li trovi in offerta su Amazon.it.