Netflix

The Irishman, Martin Scorsese sulle critiche per Anna Paquin e i ringraziamenti a Netflix

The Irishman, Martin Scorsese sulle critiche per Anna Paquin e i ringraziamenti a Netflix
di

Dopo aver detto la sua su chi vuole vedere The Irishman da cellulare, il regista Martin Scorsese ha difeso il suo film dalle accuse relative al personaggio di Anna Paquin, uno punto di vista femminile rilevante che però, secondo alcuni, ha pochissime battute.

Non per mr. Scorsese, però, che nel corso di una recente intervista ha dichiarato:

"Ho insistito per tornare indietro e stratificare di più il personaggio di Peggy, volevo che fosse un'osservatrice. Fa parte del gruppo, fa parte della storia. Lei conosce Frank. Non ha bisogno di parlare. Quando lo guarda e lui è seduto a mangiare i suoi cereali, ascoltando le notizie sulla morte di Joey Gallo, lo sguardo che ha sul viso - è lui, ovviamente. Anna Paquin, che è eccezionale nel film, ha solo una linea di dialogo. Ma quella figlia sa tutto, lei sa tutto di suo padre e le bastano gli sguardi. Che parli è ciò che vuole Frank, no? Lui vuole che sua figlia gli parli, ma lei si rifiuta di farlo dopo aver scoperto i suoi crimini."

Altre polemiche che hanno accompagnato l'uscita di The Irishman su Netflix sono state quelle relative alla lunghezza del film. A tal proposito, il regista ha affermato:

"In passato provato a fare la televisione a lungo termine, ma per farlo davvero dovresti dirigere ogni episodio, quasi ogni stagione. E quindi qui stavo solo cercando di sperimentare la forma. E so che le persone potrebbero essere più propense a passare del tempo a guardare un film che non è una serie, e quindi ho fatto i conti con la natura della storia e come volevo trattarla e come pensavo di doverlo fare."

Scorsese ha ragionato sul fatto che con le uscite in sala c'è una sorta di pressione da parte dei produttori e dei distributori al fine di mantenere una durata quanto più limitata possibile perché i film lunghi interferiscono con i programmi degli espositori. "Questa è stata una lotta", ha detto Scorsese, "una guerra in un certo senso." Ma quella pressione naturalmente non esisteva con Netflix. "Netflix è stata grande con me in questo senso, ci hanno dato tutto il supporto finanziario di cui avevamo bisogno, e così siamo riusciti a realizzare. Altrimenti non avremmo potuto farlo."

Per altri approfondimenti vi rimandiamo all'annuncio dei vincitori 2019 dell'American Film Institute, lista dei migliori film dell'anno in cui è stato incluso anche The Irishman.

FONTE: IW
Quanto è interessante?
5