The Irishman avrebbe funzionato come serie tv? Scorsese lo esclude

The Irishman avrebbe funzionato come serie tv? Scorsese lo esclude
di

Dopo dieci anni in cui Martin Scorsese ha cercato dei finanziatori, The Irishman è giunto finalmente nelle sale cinematografiche e su Netflix.

A causa della lunga durata della pellicola, che arriva a sfiorare le quattro ore, molti spettatori possono essere scoraggiati all'idea di una visione unica e senza interruzioni e anche noi abbiamo provato a suggerire il momento ideale per mettere in pausa The Irishman.

Secondo Scorsese, però, la sua ultima creazione non si presta molto a essere usufruita come se fosse una serie. "Puoi dire 'è una storia molto lunga, la puoi riprodurre in due occasioni' — ho visto qualcuno farne menzione", ha raccontato il regista a Entertainment Weekly, per poi specificare: "assolutamente no. Non ci ho mai pensato, perché il punto di questo film è l'accumularsi di dettagli".
Il regista invita quindi a una visione unica e non episodica per poter godere al meglio del film.

"Una serie è grande, è meravigliosa. Puoi sviluppare un carattere, diverse trame e ricreare mondi. Però non andava bene" per The Irishman, ha aggiunto Scorsese, che ricordiamo non essere nuovo alla serialità televisiva, dato che figura come produttore esecutivo e co-creatore di Vynil, serie targata HBO che racconta la scena musicale rock e punk della New York degli anni settanta.

Scorsese ha poi spiegato un altro motivo sul perché il suo film con non sarebbe potuto essere una serie: si tratta di una questione di budget. "Avevamo bisogno di fare un film costoso", ha raccontato il regista e di fatto sono stati necessari diversi investimenti, inclusi quelli per far apparire Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci più giovani.

E voi, avete visto The Irishman? e come? tutto in un colpo o in modo frammentato?

Per maggiori informazioni, vi rimandiamo alla recensione di The Irishman.

Quanto è interessante?
5