The Hunt, il regista Craig Zobel rompe il silenzio dopo la cancellazione del film

The Hunt, il regista Craig Zobel rompe il silenzio dopo la cancellazione del film
INFORMAZIONI FILM
di

Dopo le prime dichiarazioni di Jason Blum sulla cancellazione di The Hunt, Variety ha raggiunto anche il regista del film, Craig Zobel, che ha parlato per la prima volta dopo il blocco della distribuzione del film in seguito alla recente sparatoria avvenuta a El Paso, Texas.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, alla vigilia del massacro, aveva additato il film accusandolo di essere responsabile di incitamento a comportamenti violenti, e proprio a questa definizione sembra voler rispondere Zobel, che ha affermato di non aver alcuna intenzione di infiammare il conflitto politico.

"Se avessi creduto che questo film incitasse alla violenza, di sicuro non l'avrei diretto". Secondo Zobel, che ha diretto molti episodi di The Leftovers e Westworld e nel 2015 si è fatto notare al cinema con il dramma post-apocalittico Z for Zachariah, poco conosciuto in Italia sebbene vanti la partecipazione di Margot Robbie, Chris Pine e Chiwetel Ejiofor, ha affermato che The Hunt non è schierato politicamente: il suo obiettivo era invece quello di fare satira contro entrambi i partiti.

"La nostra ambizione era colpire equamente entrambi le squadre. Cerchiamo di intrattenere e unificare, non di far infuriare e dividere. Spetta agli spettatori decidere quale saranno le lezione da apprendere."

Il regista ha dichiarato che The Hunt è stato frainteso: "Volevo solo creare un thriller d'azione divertente che avrebbe fatto un po' di satira sulla nostra cultura, una cultura in cui saltiamo alle conclusioni e presumiamo di conoscere le convinzioni di qualcuno in base alla 'squadra' cui appartiene, o apparteniamo noi. E poi iniziamo ad urlargli contro. Questa corsa al giudizio è uno dei problemi più rilevanti del nostro tempo."

Zobel comunque supporta la decisione della Universal e si dice 'devastato' dalla tragedia avvenuta a El Paso:

Questo tipo di cose accade troppo spesso. Abbiamo immediatamente considerato cosa il nostro film avrebbe significato per la nazione sulla scia di quel terribile evento. Una volta che ipotesi imprecise sul contenuto e l'intento del film hanno iniziato a prendere piede, ho sostenuto la decisione di spostare la sua data di uscita."

FONTE: Variety
Quanto è interessante?
2