The Batman, ecco tutto quello che sappiamo sul Joker di Barry Keoghan

di

Ormai resa pubblica, la scena tagliata di The Batman ci ha mostrato finalmente il Joker di Barry Keoghan, anticipandoci dettagli del suo passato e del rapporto con l'eroe alato. A questo si aggiungono le anticipazioni di Matt Reeves sulle origini del personaggio e su tutti i film che l'hanno ispirato. Ve le raccontiamo noi!

Ben prima dell’uscita del film le parole di Matt Reeves avevano anticipato il debutto di un Joker completamente nuovo in The Batman. Poi la pellicola è uscita in sala, ormai un mese fa, e l’attenzione del regista si è concentrata più che altro sulle ispirazioni per il nuovo The Batman da ogni grande film vi possa venire in mente. Si deduce la grande cinefilia di Reeves, spettatore prima che regista, che non poteva che farsi sentire anche nella caratterizzazione del poi confermato Joker di Barry Keoghan. A rivelarcelo del tutto la famosa scena tagliata, da poco resa pubblica.

Già per il nuovo The Batman di Robert Pattinson, Reeves aveva modificato notevolmente i contorni del personaggio, soprattutto per quanto riguarda l’oscura storia della Famiglia Wayne. Per quanto riguarda la sua nemesi più famosa, le differenze sono altrettante. Innanzitutto le molteplici fonti d’ispirazione per il personaggio dai più diversi titoli del noir e del thriller, richiamati nella suddetta scena dal Manhunter – Frammenti di un omicidio (1986) di Michael Mann a Il silenzio degli innocenti (1991) di Jonathan Demme. In questo confronto, Joker sembra particolarmente vicino all’Hannibal Lecter di Anthony Hopkins, offrendo un estro analitico e investigativo inedito per il personaggio.

Lo stesso per quanto riguarda il suo aspetto e le cause che l’hanno reso tale. Inizialmente, a giudicare dalla pelle butterata e deformata, si pensava alla ripresa della scena dei fumetti in cui Joker cade nella vasca piena d’acido, così come fu per quello di Jack Nicholson nel primo film di Tim Burton. In realtà, questo Joker si differenzia sia dal precedente che dalle cicatrici misteriose di Heath Ledger: Matt Reeves ha fatto sapere che le sue malformazioni sono frutto di una malattia congenita che aveva fin dalla nascita e che potrebbero aver causato, come reazione all’emarginazione sociale, la sua follia. In questo, ricorda tanto sia il classico Il fantasma dell’opera ma soprattutto l’Elephant Man (1980) di David Lynch.

Infine è stato spiegato che queste deformazioni del viso sono la causa dietro la continua risata, il che ricorda quella condizione (in quel caso, neurologica) del Joker di Joaquin Phoenix che lo portava a ridere in continuazione. Infine, da quanto anticipato sul passato del Joker di The Batman da Matt Reeves, è probabile che il villain si trovi ad Arkham in seguito a un arresto da parte dell’eroe nei due anni precedenti, motivo per cui si conoscono. Per quanto riguarda il futuro del personaggio, che ritroveremo nei prossimi progetti, si pensa che fuggirà dall’Asylum usando una graffetta rubata al fascicolo portogli da Batman e che sarà l’Enigmista, a rivelare nuovi retroscena sul suo passato. Nell’attesa, ecco le premesse del Batman di Ben Affleck mai realizzato.

Quanto è interessante?
2