The Accountant, Ben Affleck è così bravo a poker che i casinò lo hanno bandito: perché?

The Accountant, Ben Affleck è così bravo a poker che i casinò lo hanno bandito: perché?
di

Stasera torna in tv The Accountant, thriller d'azione del 2016 diretto dal regista Gavin O'Connor e interpretato da Ben Affleck, Anna Kendrick e JK Simmons.

Una delle curiosità più interessanti riguarda proprio Ben Affleck: in una scena ambientata nella sua camera d'albergo, Dana (Anna Kendrick) rivela che per ottenere i soldi necessari all'acquisto di un abito di Vera Wang ha imparato a giocare da sola a blackjack e a contare le carte per determinare la possibilità di vincita di una mano.

Nella vita reale, Ben Affleck è famoso per essere un giocatore di poker e blackjack incredibilmente astuto, al punto che gli è stato impedito di accedere a diversi casinò negli Stati Uniti. Il divieto è arrivato non perché imbroglia, ma perché - come il personaggio della Kendrick - è in grado di contare le carte, una tecnica assolutamente legale ma purtroppo per lui vietata dalle regole del casinò.

Tra l'altro Ben Affleck ha dichiarato che questa è una delle sue prime cinque prove personali preferite: la lista include le interpretazioni di Holden McNeil in In cerca di Amy (1997), quella di Tony Mendez in Argo (2012), quella di Chucky in Will Hunting - Genio ribelle (1997) e quella di Bruce Wayne in Batman v Superman: Dawn of Justice di Zack Snyder.

A proposito: sapevate che l'attore tornerà nei panni di Bruce Wayne per The Flash di Andy Muschietti? Inoltre, nel 2021 lo rivedremo nella director's cut di Justice League in arrivo su HBO Max.

Quanto è interessante?
3