Superman & Lois, la nuova serie attacca direttamente Man of Steel di Zack Snyder

Superman & Lois, la nuova serie attacca direttamente Man of Steel di Zack Snyder
di

Di fronte a tanti fallimenti del DC Extended Universe, Man of Steel è uno di quei film da celebrare, anche perché fu quello con cui Zack Snyder inaugurò di fatto l'universo espando della DC. Ma una caratterizzazione in particolare, quella del padre di Superman, non piacque affatto. E ora una nuova serie ne fa piazza pulita.

Continua fra alti e bassi il percorso, ormai non più così strettamente canonico, del DC Extended Universe. Da un lato assistiamo all’introduzione di JK Simmons nel DCEU, new entry sicuramente gradita che però, ovviamente, non può avere da solo la forza di rialzare un universo narrativo tanto in perdita, agli occhi degli spettatori. Dall’altro infatti, pur avendo dichiarato di aver sempre letto i fumetti DC e mai quelli Marvel, lo stesso Samuel L. Jackson ha spiegato che non farebbe mai film nel DCEU e per una ragione molto precisa.

All’inizio di tutto, però, c’era un film che rimane, oltreché iniziatore del canone, forse anche uno dei migliori. Stiamo ovviamente parlando de L’uomo d’acciaio (Man of Steel) del 2013, diretto da Zack Snyder e interpretato da Henry Cavill nei panni del kryptoniano Kal-El. Il film fu particolarmente apprezzato, ma per chi non ricordasse il tenore delle recensioni dell’epoca, vogliamo rinfrescarvi la memoria, perché un dettaglio che fece storcere il naso a molti pure c’era. Si tratta della caratterizzazione del padre adottivo di Clark, il Jonathan Kent interpretato da Kevin Costner.

Ciò che non piacque, fu la decisione di trasporlo come uomo freddo e alle volte addirittura cinico, disposto a tutto purché l’identità e i poteri del figlio non venissero alla luce. Nelle molte trasposizioni precedenti infatti, i Kent invitano sempre Clark alla prudenza e al tenersi lontano dai riflettori, ma mai a tal punto da impedirgli di usare i suoi poteri o tarpando le ali dell’eroe. Non quanto quello di Costner, almeno, che nella scena in cui Clark salva i suoi compagni nello scuolabus affondato, arriva addirittura a sgridarlo, sostenendo che sarebbe stato meglio se avesse lasciato il bambino ad annegare.

Il suo imperativo è tale da determinarne poi anche la morte, risucchiato da un tornado pur di non costringere Clark, ormai adulto, a usare i suoi poteri davanti a tutti, nonostante questo avrebbe facilmente determinato la sua salvezza. Ora, la nuova serie comics di Superman & Lois riprende la scena dello scuolabus ma cambia completamente l’atteggiamento di Jonathan, chiara stoccata al film del 2013. Succede in Earth-Prime # 2, dove Clark usa l’ipervelocità per salvare un bambino che stava per essere investito da un bus. Dopo averlo fatto, si reca da suo padre con la coda fra le gambe, scusandosi per l’accaduto. Ma proprio Jonathan spazza via i suoi dubbi, chiarendo che Clark non aveva scelta. E gli chiede, addirittura, se avrebbe davvero lasciato morire un bambino pur di tenere nascosto il suo segreto. Un chiaro fendente alla scena di Snyder.

Quanto è interessante?
4