Superman: cosa vuol dire il reboot di JJ Abrams per il futuro di Henry Cavill?

Superman: cosa vuol dire il reboot di JJ Abrams per il futuro di Henry Cavill?
INFORMAZIONI FILM
di

Erano anni che si discuteva di un ritorno di Superman nell'Universo Cinematografico DC, per altro più e più volte riportando J.J. Abrams come eventuale produttore (o persino regista) del film, e alla fine è successo davvero, anche se non come i fan dell'Uomo d'Acciaio si aspettavano, dato che quello in arrivo è un Superman molto diverso.

Inizialmente c'è stata un po' di confusione: è un sequel de L'Uomo d'Acciaio di Zack Snyder o qualcosa di differente? Dopo poche ore la notizia è stata approfondita con più minuzia e si è scoperto che il film dovrebbe essere proprio un reboot del personaggio slegato dalla visione di Snyder. A scrivere il progetto troveremo infatti il pluri-blasonato Ta-Nehisi Coates, noto per i suoi brillanti saggi socio-politici, per i suoi straordinari romanzi e anche per il suo meraviglioso lavoro con il fumetto di Black Panther, da lui curato fino a pochi anni fa.

Un penna importante, pesante e significativa, insomma, che potrebbe dare a questa nuova iterazione del personaggio una valenza diversa, molto più centrata - magari - sull'essere Superman, sul senso stesso del super-uomo e altre tematiche simile, oltre l'azione senza però dimenticarla. Proprio la presenza alla scrittura di Coates ha fatto drizzare le orecchie ai fan, essendo lo scrittore un importante esponente della classe intellettuale americane per i diritti civili degli afro-americani. La domanda è subito stata: è se il nuovo Superman fosse di colore?

Potrebbe e, anzi, dovrebbe essere così, e infatti sono in molti a parlare di Calvin Ellis come possibile protagonista del film (magari interpretato da Michael B. Jordan). Chi è Ellis? È il Superman afroamericano e Presidente degli Stati Uniti d'America in una Terra differente del Multiverso DC, il cui nome Kryptoniano resta comunque Kalel. In sostanza, una controparte vera e propria, per altro creata da quel genio di Grant Morrison.

Tutto questo, dunque, cosa significa per Henry Cavill? Ci sarà mai un Uomo d'Acciaio 2? Dati i recenti progetti della DC, la risposta potrebbe essere tranquillamente sì, ma solo dopo aver constatato il successo della Zack Snyder's Justice League e di The Flash di Andy Muschietti, che andrà proprio a indagare in primis il Multiverso DC. Potrebbe persino comparire già in Flash, il Superman di Henry Cavill, anche se non ancora confermato, e dato lo sviluppo sperato di tanti micro-Universi narrativi, potrebbero tranquillamente esistere due o persino più Superman nel DCEU.

In sostanza, anche se non sarà protagonista o co-protagonista del film prodotto da Abrams e scritto da Coates, non date per disperso il Superman di Cavill. Sarebbe un errore.

Quanto è interessante?
5