Suicide Squad 2: un nuovo regista è in lizza per dirigere il sequel!

di

Sappiamo che Mel Gibson è da tempo in trattative per salire dietro la macchina da presa del sequel di Suicide Squad, ma non ci sono state più novità in merito negli ultimi tempi, e ora si è aggiunto un altro nome che potrebbe ambire alla regia del seguito di uno dei più divisivi cinecomic degli ultimi tempi.

Se Mel Gibson finisse davvero a dirigere Suicide Squad 2, avremmo sicuramente davanti a noi una prospettiva alquanto inaspettata e interessante, ma ora sappiamo con certezza che non è l'unico regista che è stato contattato per questo lavoro. Dopotutto, si tratta di uno dei cinque film di cui la Warner Bros. starebbe valutando l’anticipo dell’uscita nel 2018, ora che The Flash e The Batman rischiano pesantemente di essere rimandati, e quindi lasciare il prossimo anno privo di pellicole DC. È chiaro quindi che la Warner Bros. deve avere un piano B nel caso in cui il regista di Hacksaw Ridge decidesse di rifiutare la regia.

Ebbene, secondo Jeff Sneider di Meet The Movie Press, il regista che gareggerebbe con Mel Gibson alla regia del sequel di Suicide Squad sarebbe Jaume Collet-Serra. Il regista spagnolo ha diretto Blake Lively nel thriller con gli squali intitolato Paradise Beach - Dentro l'incubo, ma le sue altre pellicole sono per lo più composte da divertenti film d'azione interpretati da Liam Neeson come Unknown - Senza identità, Non-Stop e Run All Night - Una notte per sopravvivere. Quindi, si tratta sicuramente di una scelta in linea con il possibile tono di un sequel dedicato ai pericolosi supercriminali.

Sneider ha sottolineato che Collet-Serra era stato precedentemente legato al progetto della Warner Bros. sull’adattamento di Akira, ora in fase di stallo, e fa notare come sia rappresentato dalla stessa agenzia di Robbie. Questo potrebbe contribuire a rendere molto più semplice la transizione di regia, anche se ovviamente ci troviamo solo nei primi giorni di trattative, e dovremo quindi attendere per avere delle vere certezze.

FONTE: CBM
Quanto è interessante?
0