Stephen King, gli Oscar e le critiche di Ava DuVernay:"Giudico l'arte, non la diversità"

Stephen King, gli Oscar e le critiche di Ava DuVernay:'Giudico l'arte, non la diversità'
INFORMAZIONI FILM
di

L'ultima personalità eccellente ad entrare nella polemica sulle nomination agli Oscar è Stephen King. Il celebre romanziere ha spiegato di non prendere in considerazione la diversità, quando si tratta di assegnare dei premi. King è membro dell'Academy nella categoria degli autori e ha potuto votare per il miglior film e le migliori sceneggiature.

Alla luce di questo dettaglio le opinioni di Stephen King non hanno potuto influenzare le categorie nelle quali si è discusso per una mancata diversità, ovvero in quelle dedicate alla recitazione per la questione etnica - con Cynthia Erivo unica candidata nera - e alla regia per la mancanza di donne, con cinque uomini nominati per il secondo anno consecutivo.
"Per me la questione della diversità - che si applica comunque ai singoli registi e attori - non è emersa" ha spiegato King su Twitter - Detto questo, non prenderei mai in considerazione la diversità nella materia dell'arte. Solo qualità. Mi sembra che fare diversamente sarebbe sbagliato".

L'opinione di Stephen King ha fatto insorgere scrittrici, femministe e cineaste che hanno contestato a King l'idea che la diversità e la qualità siano entità separate.
La critica più dura è arrivata dalla regista Ava DuVernay:"Quando ti svegli, rifletti, ti sgranchisci, prendi il tuo telefono per informarti sul mondo e vedi un tweet di qualcuno che ammiri che è così ignorante e arretrato che vorresti tornare a letto" ha commentato la regista.
La scrittrice Roxanne Gay ha aggiunto:"Da fan, è doloroso leggerti. Implica che diversità e qualità non possono essere sinonimi. Non sono cose separate. La qualità è ovunque ma la maggior parte delle industrie crede nella qualità solo da un punto di vista demografico. E ora, eccoti qua".
Stephen King ha provato a controbattere:"La cosa più importante che possiamo fare come artisti e creativi è assicurarci che tutti abbiano le stesse opportunità, indipendentemente dal sesso, dal colore o dall'orientamento. In questo momento queste persone sono mal rappresentate, e non solo nelle arti. Non puoi vincere premi se sei fuori dai giochi".
Le polemiche per la miglior regia sono nate dalla mancanza di Greta Gerwig, regista di Piccole donne. Le candidature di quest'anno fanno registrare un incremento del 31% di donne candidate agli Oscar rispetto all'anno precedente.

FONTE: IndieWire
Quanto è interessante?
4