Stephen King e il cinema: il maestro del brivido e i progetti sullo schermo

di

Il Maine ci ha regalato uno degli scrittori più amati dell'ultimo secolo e il cinema negli anni ha cercato di rendere giustizia sul grande schermo alle grandi opere di Stephen King, maestro del brivido. Un brivido che scorre costante tra le pagine dei suoi libri ma che raramente il cinema ha saputo valorizzare al meglio.

Tantissime sono le opere realizzate da Stephen King, tanto da spingere la Warner Bros, qualche tempo fa, a pensare di creare un universo cinematografico esclusivamente dedicato ai suoi romanzi. It è sicuramente il nome di punta, il capolavoro kinghiano per eccellenza, e in questi giorni il film di Andres Muschietti sta spopolando nelle sale di tutto il mondo. Difficile trasporre fedelmente un'opera complessa e articolata come l'It di Stephen King ma sicuramente il risultato è stato apprezzato dalla critica e dal pubblico e in definitiva può dirsi soddisfacente, in attesa del secondo capitolo.


Tra le opere di King che hanno visto la luce sul grande schermo quest'anno anche La Torre Nera, con Idris Elba e Matthew McConaughey. Una pellicola raffazzonata e confusa che ha deluso molto e che, da un lato, ha confermato la difficoltà di tradurre in codice audiovisivo le parole di King. Tuttavia si parla da tempo di un progetto per la tv. Voi che ne dite?

Non solo al cinema sono attese le opere di Stephen King. Anche per la tv sono molti i progetti in cantiere o già andati in onda. Tra questi The Mist (La Nebbia), un drama soprannaturale diviso in dieci episodi, nei quali la location cambia, a differenza del libro, dove tutto è ambientato in un supermercato.

Brendan Gleeson sarà invece il protagonista dell'adattamento tv Mr. Mercedes, serie in dieci puntate, con King che comparirà anche come guest star, nella storia di un criminale che uccide le sue vittime investendole con una Mercedes.

Ma il cinema rimane terreno ospitale per le opere di Stephen King, nonostante i risultati alterni. Revival racconta le vicende di una piccola cittadina del New England degli anni '60, con Josh Boone alla regia. Ancora pochissime le notizie su un probabile adattamento de L'Ombra dello scorpione, dopo tutte le voci che si sono rincorse negli ultimi mesi.
A parlare è stato il produttore Roy Lee:"“Per ora è tutto fermo, dobbiamo decidere cos’è meglio fare. Dobbiamo ancora capire se è meglio dividere il film in più parti, o condensare tutto in un capitolo.” Quale sarà la soluzione migliore?

Cosa ne pensate delle trasposizioni dei romanzi di Stephen King? Siete soddisfatti?

Quanto è interessante?
5