Star Wars, perché il conte Dooku aveva una spada laser curva?

Star Wars, perché il conte Dooku aveva una spada laser curva?
di

Interpretato nella trilogia prequel dal grande Christopher Lee, il Conte Dooku è noto come uno dei migliori spadaccini laser dell'universo di Star Wars grazie al suo speciale stile di combattimento. Ma vi siete mai chiesti perché utilizza un'arma dall'impugnatura curva?

Prima di passare al lato oscuro e rivendicare il titolo di Conte di Serenno, Dooku è stato formato nelle arti Jedi da niente di meno che il maestro Yoda, ma scontento della sua regolare spada laser ha iniziato a studiare gli Archivi Jedi per creare un'arma unica e superiore che sfruttasse al meglio le sue potenzialità.

Le forme di combattimento Jedi in tutto sono sette, e Dooku è un maestro della Forma II, la Makashi: lo stile che più di tutti trae la sua forza dalla precisione sul duello tra spade, facendo affidamento su velocità, abilità e movimenti fluidi piuttosto che sulla forza bruta. L'elsa curva è dunque perfetta per sfruttare al meglio questa tecnica, in quanto si adatta al palmo garantendo a chi la usa un migliore controllo della lama e una maggiore precisione.

Oltre che dalla "lore" del personaggio, però, l'origine di questo particolare design è stata fortemente influenzata anche dallo stesso Christopher Lee e dalla sua esperienza nei duelli con le spade. L'attore britannico da giovane è stato infatti un abile spadaccino e campione di scherma, disciplina che non a caso presenta diverse somiglianze con la Makashi come il posizionamento, il gioco di game e i movimenti ad una sola mano.

Per altri approfondimenti sul mondo di Star Wars, vi lasciamo alle origini della spada laser viola di Mace Windu.

Quanto è interessante?
4