Star Wars, il destino di Luke è stato difficile da gestire in The Rise of Skywalker

Star Wars, il destino di Luke è stato difficile da gestire in The Rise of Skywalker
di

Nel corso di una recente intervista promozionale Maryann Brandon, montatrice di The Rise of Skywalker e fedelissima di JJ Abrams, col quale ha collaborato in tutti i film ad eccezione di Super 8, ha parlato delle sfide rappresentate dall'ultimo film della saga della Lucasfilm.

In particolare si è concentrata su Gli Ultimi Jedi, un film al quale non ha lavorato in prima persona ma che si è gustata come fan, e su come le morti di Luke Skywalker nel film e di Carrie Fisher fuori dal film abbiano rappresentato un problema per la realizzazione dell'ultimo capitolo.

"Tutto quello che posso dire a riguardo è che The Last Jedi, un film che mi è davvero piaciuto, ha presentato molte sfide per l'episodio IX, che doveva concludere la saga. Insomma, sfortunatamente Carrie è morta, ma ovviamente non è morta come personaggio Leia nell'episodio VIII. È un personaggio che doveva essere riprese, ed è stata una grande sfida. Ma penso che J.J. e lo sceneggiatore Chris Terrio abbiano fatto un ottimo lavoro. Allo stesso tempo Luke è morto, il che era un altro tipo di problema. Quindi abbiamo avuto questi due problemi opposti, e penso che l'impostazione sia stata difficile da gestire. Penso che Rian Johnson sia un regista straordinario e penso che quando fai una trilogia, non puoi semplicemente abbandonare una storia. Quindi, qualunque cosa abbia scelto di mettere in quel film, era necessario affrontarla nell'ultimo capitolo. E devi sviluppare quelle trame con onestà. Tutti sanno che J.J. non avrebbe dovuto fare l'episodio IX, è arrivato dopo e lui e Chris hanno dovuto riscrivere la sceneggiatura in un breve lasso di tempo."

Per quanto riguarda il futuro:

"Adoro il franchise, sono una grande fan di Star Wars. Fondamentalmente sono tornata in Episodio IX perché è tornato anche JJ. E poi Rian Johnson, che ha fatto l'episodio VIII, lavora con un altro montatore con cui ha girato tutti i suoi film. Deve esserci un legame speciale fra regista e montatore perché alla fine delle riprese bisogna lavorare a stretto contatto. D'altra parte, ci sono altri progetti in cui lavoro perché vengo chiamata dallo studio o dal produttore, e incontro nuovi registi. Mi piace incontrare nuovi registi. Ho fatto Venom l'anno scorso con Sony, ad esempio. Adesso sono a stretto contatto con Kathleen Kennedy e Michelle Rejwan della Lucasfilm, quindi spero di fare più cose su Star Wars in futuro. Ma non so ancora cosa farò dopo."

Per altri approfondimenti vi rimandiamo all'Everycult su Star Wars VII e alle prime reazioni per Star Wars IX.

Quanto è interessante?
5