Spider-Man e i rumor: facciamo il punto della situazione

di

'Maledetto attacco hacker!': questo è quello che staranno pensando, in questo periodo, alla Sony Pictures. Eh si, perché tra tutti i danni causati dal pesante attacco informatico subito durante il cosiddetto Sony Hack, c'è da considerare le conseguenze e le aspettative suscitate nel pubblico dalla delicatissima "questione Spider-Man". Perché, in tutta sincerità, se le mail riguardanti la questione non fossero trapelate in rete, "Spider-Man nell'Universo Cinematografico Marvel" sarebbe rimasto un semplice sogno dei fan e non una 'possibilità' discussa via mail tra Sony e Marvel Studios.

Invece, grazie (o a causa, dipende dai punti di vista) a questo, la major si trova in una situazione piuttosto scomoda: da un lato Sony Pictures ha in mano un franchise che, comunque vada, incassa i suoi bei soldini e può essere sfruttato ancora a lungo, per anni e anni; dall'altra, però, subisce le pressioni dei fan, del web e di gran parte della stampa che, al sol sentire "Spider-Man e Vendicatori insieme è una possibilità" hanno festeggiato e gioito (prematuramente), creando un hype per una cosa che - allo stato attuale delle cose - non è confermata e non sappiamo se effettivamente si verificherà.

La Sony ha poca scelta, al momento. Ha di fronte a sé solo due strade da percorrere. O collabora con la Marvel, non perdendo i diritti ma congiungendo il personaggio di Spider-Man, comunque, al resto dei supereroi al cinema, oppure continua la saga 'The Amazing', anche con i vari, possibili spin-off che, per ora, sono quasi tutti con un 'piede nella fossa'. Infatti, stando ai report e le mail, "Venom" sarebbe stato archiviato; "I Sinistri Sei" riscritto una dozzina di volte e, ancora oggi, non sarebbe chiara la direzione da intraprendere; lo spin-off femminile è ancora solo 'tante chiacchiere e pochi fatti'. E poi c'è 'The Amazing Spider-Man 3', posticipato al 2018, che non ha una sceneggiatura, un regista certo (Marc Webb è improbabile a quanto pare) e forse nemmeno un protagonista (Andrew Garfield sarebbe stato licenziato dai piani alti dopo varie discussioni e uscite 'poco carine' nei confronti della major). Ed è per quello che, in Sony si parla sempre di più di reboot. Un nuovo reboot, però più 'soft': invece di dedicare un nuovo film all'arrampicamuri, l'idea sarebbe quella di reboottarlo con un nuovo attore direttamente in Sinistri Sei. Creando una possibile confusione per il pubblico non-lettore-di-notizie (Sinistri Sei è uno spin-off di The Amazing Spider-Man 2 perché ne continua la storia, in un certo senso, e allora perché c'è un nuovo Spider-Man? Perché sembra ignorare gli eventi dei film precedenti? E' un altro reboot?).

Che si sia sostenitori dell'idea di Spider-Man inserito nell'Universo Cinematografico Marvel o meno, sembra che questa potrebbe essere la via più fruttuosa, al momento. Più di una volta, la Sony ha dimostrato di 'non sapere dove andare a parare', posticipando i film, facendoli riscrivere più volte, non avendo un'idea ben precisa e/o un piano generale (cosa peraltro ammessa da Garfield stesso, nelle dichiarazioni che avrebbero causato il suo licenziamento).

E a questo punto, arriviamo a noi. Ieri è arrivato online un rumor, piuttosto corposo, che svelerebbe non solo i piani per la Fase Tre dei Marvel Studios, ma pure che l'accordo Marvel/Sony sarebbe già stato 'firmato' e che il personaggio dovrebbe apparire in Avengers: Infinity War - Parte 1 con un nuovo 'volto' (ovvero, un nuovo attore ad impersonarlo). Rumor prontamente smentito, poche ore dopo, da un rappresentante della Sony Pictures. Quindi tutto falso?

Latino Review, che ha lanciato il rumor, non gode di una 'fama' piuttosto affidabile sul web, però ha dimostrato, più volte, di sapere il 'fatto suo', per quanto riguarda gli scoop sulla Casa delle Idee. Ricordiamo, per esempio, alcuni di quelli confermati:

  1. Chadwick Boseman come Pantera Nera
  2. Guardiani della galassia annunciato prima ancora della Marvel.
  3. Una descrizione delle sequenze di Avengers: Age of Ultron mostrate, poi, nel trailer (in particolare la scena del party con sollevamento di Mjolnir, che sul web tutti già accusavano di essere falsa)

Certo, anche Latino Review ha preso qualche cantonata di tanto in tanto (ma ci sarebbe da discutere ore e ore sul perché, molto spesso alcune dichiarazioni di attori e filmaker sembrano 'confermare' i rumor di LR spiegando che "successivamente la Marvel ha intrapreso una strada differente", nb.), ma ogni tanto 'ci prende'. Ed è per questo che il sito difende il proprio rumor in queste ultime ore, confermando la loro veridicità.

E allora perché smentire? Le smentite sono all'ordine del giorno. Ricordate quando Paul Rudd smentiva il suo coinvolgimento in 'Ant-Man'? Oppure, ricordate quando recentemente sia la Marvel che Benedict Cumberbatch hanno smentito l'ingaggio di quest'ultimo come "Dottor Strange"? Fa parte del gioco. Anzi, i rumor - quando sono veramente falsi - non vengono quasi mai smentiti (ci avete fatto caso?) e vengono lasciati 'morire' da soli, nell'oscurità del web. Quando un fondo di verità c'è (guarda caso), qualche addetto ai lavori si sente sempre in dovere di 'smentire'. Come dice qualcuno su Twitter: "l'80% delle volte, quando uno studio smentisce, vuol dire "m***a, ci hanno anticipato sull'annuncio ufficiale".

Ma, ovviamente, non possiamo dire con certezza che sia tutto vero. Perché è possibile che domani la Sony annunci I Sinistri Sei e che proceda senza la Marvel. Cosi come che arrivi un annuncio ufficiale sull'accordo per il Marvel Cinematic Universe. Per ora, è tutto ancora 'da vedere'. Quel che è certo è che stavolta si è impiegato meno tempo a smentire la notizia del solito e dire che è 'tutto falso', quando abbiamo letto - nero su bianco - le mail ufficiali in cui si leggeva chiaramente della possibilità di Spider-Man ai Marvel Studios. A questo punto bisogna capire se questo meeting ci sia stato oppure no, e quando dovremmo aspettare per un 'annuncio ufficiale' (sia riguardo l'accordo che altrimenti). Il futuro di Spider-Man è ancora appeso ad un filo. Di ragnatela.

Quanto è interessante?
0