di

La director's cut di Solo: A Star Wars Story firmata Phil Lord e Chris Miller non vedrà mai la luce, ma grazie alla scrupolosa indagine effettuata dai reporter di Variety abbiamo un quadro più dettagliato dei motivi che hanno portato al licenziamento dei due registi da parte di Lucasfilm.

Come sappiamo, Ron Howard è stato chiamato a sostituire i registi di The Lego Movie in corso d'opera, rigirando buona parte delle scene già filmate (si parla di almeno un'80% di reshoots per scene già realizzate, comprese gran parte del materiale di seconda unità) e svolgendo tutto il lavoro di post-produzione. I motivi dell'allontanamento di Lord e Miller sarebbero da imputare ad una visione dello spin-off molto contrastante rispetto a quella voluta da Kathleen Kennedy, storica produttrice della Amblin e vero e proprio timoniere del franchise Star Wars dopo il passaggio alla Disney.

Fino ad oggi numerose voci di corridoio avevano fatto pensare che i due registi stessero conferendo al film un tono troppo ironico, quasi da commedia e più in linea con il loro stile personale piuttosto che con quello della saga di George Lucas. Inoltre fonti anonime avevano parlato di un "caos generale" sui vari set della produzione, dovuto principalmente alla totale inesperienza dei due registi con il mondo dei blockbuster multimilionari.

A quanto pare, però, le cose stanno diversamente.

Stando al reportage di Variety, Lord e Miller avevano immaginato una storia molto più dark rispetto a quello che si è detto nei mesi successivi al loro allontanamento, una storia piena di grinta e molto underground, popolata da truffatori, assassini, disertori di guerra stanchi delle battaglie spaziali e spietati sindacati criminali. Questo avrebbe avuto un impatto non da poco sul lavoro tecnico dell'acclamato direttore della fotografia Bradford Young (Arrival).

Secondo una fonte anonima intervistata dal settimanale di Los Angeles, "Howard è subito andato d'accordo con Young. Nel film è innegabile il rapporto professionale che il regista ha avuto con il direttore della fotografia, perché Howard aveva molto a cuore il look del film. A differenza di Lord e Miller, che fin dall'inizio non sono sembrati molto interessati a quell'aspetto.”

Inoltre sembra che i due registi avessero rallentato notevolmente i tempi di produzione del film per via della loro tendenza ad improvvisare e sperimentare, distaccandosi spesso e volentieri dalla sceneggiatura di Lawrence Kasdan.

“Sotto la gestione di precedenti registi abbiamo accumulato un ritardo enorme, ed è stato questo ritardo a causare il loro licenziamento” ha rivelato la fonte anonima, un membro della troupe che ha lavorato sia con Lord e Miller che con Howard e che ha mantenuto segreta la sua identità perché non autorizzato a rilasciare queste informazioni. “Il primo assistente alla regia faceva da intermediario con la produzione, ma ha dovuto riferire di questi ritardi troppe volte e alla fine Kathleen Kennedy è esplosa.”

Solo: A Star Wars Story esce oggi nei cinema italiani. Il cast comprende Woody Harrelson, Emilia Clarke, Donald Glover, Thandie Newton, Phoebe Waller-Bridge, Joonas Suotamo e Paul Bettany, oltre ad Alden Ehrenreich nel ruolo di Han Solo.

FONTE: Variety
Quanto è interessante?
6

Solo: A Star Wars Story

Solo: A Star Wars Story
  • Distributore: Walt Disney Studios Motion Pictures Italia
  • Genere: Azione
  • Regia: Ron Howard
  • Interpreti: Alden Ehrenreich, Woody Harrelson, Emilia Clarke, Donald Glover, Thandie Newton, Joonas Suotamo
  • Sceneggiatura: Lawrence Kasdan, Jonathan Kasdan
  • +

Nelle sale Italiane dal: 23/05/2018

incasso box office: 4.393.196 Euro

Nelle sale USA dal: 25/05/2018

incasso box office: 207.279.115 Euro

Che voto dai a: Solo: A Star Wars Story

Media Voto Utenti
Voti: 49
6.8
nd