La Scuola Cattolica, il Tar annulla la censura per il film sul massacro del Circeo

La Scuola Cattolica, il Tar annulla la censura per il film sul massacro del Circeo
INFORMAZIONI FILM
di

Soddisfazione per i protagonisti de La Scuola Cattolica, il film di Stefano Mordini incentrato sulle vicende dei personaggi coinvolti nel tristemente famoso massacro del Circeo: in queste ore, infatti, il Tar ha deciso di tornare sui propri passi e rimuovere la censura precedentemente imposta al lungometraggio.

Più di una polemica era scaturita nei mesi scorsi dopo la decisione del Tar di vietare La Scuola Cattolica ai minori di 18 anni, ritenendolo un film che pericolosamente equiparava vittime e carnefici: una decisione inevitabilmente contestata dai diretti interessati, che ritenevano la linea seguita dal Tar ingiustificabilmente severa.

"Il film presenta una narrazione filmica che ha come suo punto centrale la sostanziale equiparazione della vittima e del carnefice. In particolare i protagonisti della vicenda pur partendo da situazioni sociali diverse, finiscono per apparire tutti incapaci di comprendere la situazione in cui si trovano coinvolti. Questa lettura che appare dalle immagini, assai violente negli ultimi venti minuti, viene preceduta nella prima parte del film, da una scena in cui un professore, soffermandosi su un dipinto in cui Cristo viene flagellato, fornisce assieme ai ragazzi, tra i quali gli omicidi del Circeo, un’interpretazione in cui gli stessi, Gesù Cristo e i flagellanti vengono sostanzialmente messi sullo stesso piano. Per tutte le ragioni sopracitate la Commissione a maggioranza ritiene che il film non sia adatto ai minori di anni diciotto" era stata l'analisi con cui il Tar aveva giustificato la censura.

Vedremo se ci saranno reazioni da parte di registi e attori, o se qualche sala vorrà riprogrammare il film dopo le prime proiezioni dello scorso ottobre con la consapevolezza di poter accogliere tra gli spettatori anche il pubblico di età inferiore ai 18 anni.

Quanto è interessante?
1