di

Tra gli attori della prima ora che la Marvel ha ingaggiato a partire dalla Fase 1 l’attore ricopre uno dei ruoli più ambigui e al contempo essenziali allo sviluppo dell’universo. Durante il “Fishing for Answers” con l’Hollywood Reporter Jackson ha avuto modo di rispondere ad una domanda bollente, quale fosse il suo Avenger preferito.

Dal primo Iron Man diretto da Jon Favreau (The Mandalorian) ed uscito nelle sale nel 2008, passando per Captain America: The Winter Soldier dei fratelli Russo (Avengers: Infinity War) e concludendo, almeno per ora - fatta eccezione per Spider-Man: Far From Home, la partecipazione nel film stand-alone su Captain Marvel in cui interpreterà una versione più giovane di Nick Fury, Samuel L. Jackson è probabilmente uno dei pochi attori ad aver ricoperto un così alto numero di presenze nel corso dei diversi lungometraggi realizzati finora dai Marvel Studios.

In The Avengers, pellicola di successo diretta dal filmmaker Joss Whedon, il direttore dello S.H.I.E.L.D. è il motore principale che dà avvio al progetto Avengers dopo che il dio dell’inganno Loki si impadronisce del Tesseract. Sue sono le macchinazioni che spesso sono rimaste all’oscuro persino ai supereroi che formavano la squadra originaria dei Vendicatori, così come sua è stata la precisa volontà di riportare in vita l’agente Phil Coulson (Clark Gregg) dopo che quest’ultimo veniva ucciso dal fratellastro di Thor. Insomma, per quanto Fury sia rimasto un comune umano senza poteri, non si può negare che l’abilità più grande che l’ex direttore dello S.H.I.E.L.D. abbia sia propria la sua astuzia, una capacità che spesso è tornata anche utile ai Vendicatori.

È forse per questo motivo che Jackson, rispondendo al gioco “Fishing for Answers” dell’Hollywood Reporter, ha risposto alla domanda su chi fosse il suo Avenger preferito rispondendo con fare simpatico: “Nick Fury, perché sono io”? Eppure, pochi secondi prima della fine del video, l’attore di Pulp Fiction è tornato indietro sui suoi passi, affermando che in realtà il supereroe su cui si rivolgono le sue simpatie è Black Widow, la Vedova Nera impersonata dall’affascinante Scarlett Johansson, prima supereroina a far parte della formazione iniziale già a partire dal lontano 2008. Tra i supereroi che, a suo dire, sarebbero più difficili da far rigare dritto ci sarebbe invece lo Spider-Man di Tom Holland, per via della sua inarrestabile energia e per la sua straordinaria abilità di essere un po’ dappertutto.

Torneremo a rivedere Nick Fury interpretato da Samuel L. Jackson nella pellicola Marvel diretta da Anna Boden e Ryan Fleck e che vede protagonista, per la prima volta nella storia dell’universo cinematografico Marvel, una supereroina, Carol Danvers. Quest’ultima, rivestendo l’identità di Captain Marvel, affiancherà il futuro direttore dello S.H.I.E.L.D. in una guerra all’ultimo sangue contro la razza aliena degli Skrull al fine di salvare la Terra dal pericolo di morte che incombe su tutta la popolazione mondiale. Ambientato nel 1995, nel cast artistico dell’opera rivedremo alcuni volti noti come Ronan l’Accusatore (Lee Pace), Korath (Djimon Hounsou) e l’agente Phil Coulson (Clark Gregg).

Captain Marvel sarà distribuito in Italia a partire dal 6 marzo 2019.

Quanto è interessante?
3