Marvel

Samuel L. Jackson: "Non è detto che Black Panther cambierà davvero Hollywood!"

di

Samuel L. Jackson non vede Black Panther come il cruciale momento di cambiamento, a Hollywood, che alcuni credono possa diventare. Questo, nonostante il blockbuster diretto da Ryan Coogler abbia battuto ogni sorta di record al botteghino.

E', come abbiamo detto in una news precedente, il film a tema supereroi con il più alto incasso di sempre, e uno dei 10 film dal maggior successo di tutti i tempi nel il mondo: oltre a riscuotere ampio consenso dalla critica, il cinefumetto Marvel è composto da un cast prevalentemente formato da attori di colore.

Samuel L. Jackson, l'attore che ormai da tantissimo tempo interpreta il ruolo di Nick Fury nell'Universo Cinematografico Marvel, in un'intervista con Matt Pomroy, ha detto di non credere che il diffuso trionfo commerciale di Black Panther cambierà o influenzerà il modo in cui le storie delle persone di colore vengono raccontate a Hollywood, specialmente se si trovano negli Stati Uniti:

"Francamente non sono sicuro che Black Panther cambierà la dinamica delle storie "black" raccontate a Hollywood, e che saranno accettate in tutto il mondo. BP è una storia di azione e avventura e piace perché è la storia di un eroe, e a tutti piacciono gli eroi. Ma non tutti amano il dramma dell'esperienza di vita di qualcuno - ecco perché i premi hanno una categoria separata per i film stranieri: sono percepiti come diversi. Una volta che smetteremo di percepirli come diversi e li vedremo semplicemente come buoni film che verranno riconosciuti nella stessa categoria, lì avremo un segnale di cambiamento."

Dopo gli eventi di Captain America: Civil War, T’Challa (Chadwick Boseman) fa ritorno a casa, la tecnologicamente avanzata nazione africana del Wakanda, per diventare il nuovo leader del paese. Tuttavia, T’Challa scopre di essere sfidato per il trono da diverse fazioni del suo popolo. Quando due nemici cospirano per distruggere Wakanda, l'eroe conosciuto come Pantera Nera dovrà collaborare con l'agente della CIA Everett K. Ross (Martin Freeman) e le forze speciali del Wakanda, le Dora Milaje, per impedire che la nazione sia trascinata in una guerra mondiale.

Che ne pensate? Ha ragione il buon Samuel o è troppo pessimista?

Quanto è interessante?
5