Samuel L. Jackson rivela: "Da bambino non sognavo di diventare un attore"

Samuel L. Jackson rivela: 'Da bambino non sognavo di diventare un attore'
INFORMAZIONI FILM
di

La lunga e incredibile carriera di Samuel L. Jackson è stata celebrata dagli Academy nel corso di quest'anno con l'assegnazione di un Oscar alla carriera. L'attore ha avuto un incredibile successo a Hollywood, ma recentemente ha svelato che non ha sempre sognato di diventare un attore.

Nel descrivere la sua infanzia Samuel L. Jackson ha rivelato di essere cresciuto ascoltando la radio, scambiando storie con suo nonno e avendo un'immaginazione attiva, ma non guardando molta televisione. L'unico momento in cui questo gli veniva permesso era il sabato, quando trascorreva tutto il giorno a guardare cartoni animati e film. Ad accendere quella scintilla è stato però un membro della sua famiglia.

"Immaginare di essere sullo schermo o voler diventare una star del cinema era come, no, era impensabile" ha detto nel corso di un'intervista con Deadline l'attore. "Sono cresciuto in isolamento, sapete, non è accaduto... Non mi è mai venuto in mente di poter essere una star del cinema, anche se talvolta guardavo Sidney Poitier sullo schermo. Semplicemente faceva parte del regno delle possibilità. Non era qualcosa a cui si poteva aspirare. Era un sogno irrealizzabile. Nessuno mi ha mai detto che potevo essere quello che sono ora. La gente mi ripeteva che potevo diventare un dottore, un avvocato, un capo indiano o qualsiasi altra cosa. Nessuno mi ha detto che potevo essere questo, sapete. L'ho scoperto solo perché vivevo in una casa con una donna, mia zia, la quale era un'insegnante di arti dello spettacolo, e ogni volta che doveva recitare, per una rappresentazione o altro, io ero in casa con lei. Quindi, da quando avevo tipo tre anni, mi ha messo incluso in queste cose. Ho ottenuto gli applausi, ho avuto le persone che ti pizzicavano sulla guancia... e questo mi ha fatto stare bene."

Da qui, però, Samuel L. Jackson non è arrivato subito alla recitazione. Ha infatti intrapreso gli studi di medicina e, mentre negli anni '70 frequentava il college, ha avuto l'illuminazione. "Non mi era mai venuto in mente [che] potessi farlo per vivere, e le persone mi diranno quanto mi amano, quanto gli piaccio qualunque cosa. Non mi è venuto in mente fino a quando forse da qualche parte al college, ho iniziato a guardare questi film di blaxploitation, che portavano più rappresentazione black sullo schermo..." ha rivelato l'attore. "Avevo un amico che era un attore, un ragazzo con cui sono cresciuto, che era un attore con i Morehouse/Spelman al college. E io ho seguito un corso per imparare a parlare in pubblico e, all'improvviso, il ragazzo ci ha offerto un credito extra se avessimo fatto Threepenny Opera perché non aveva abbastanza persone, di nuovo. E l'ho fatto, e tutte queste cose che avevo fatto da bambino mi sono tornate in mente, ed era tipo, 'Oh, wow. In realtà ho voglia di alzarmi e andare a lezione per fare questa cosa.' E all'improvviso, ero lì, ed è diventata tipo una carriera, una specie di crepa che potevo guardare e dire: 'Beh, sono stanco di studiare tutta questa terribile scienza. Posso semplicemente recarmi qui, uscire con queste ragazze e recitare ed essere sesso, droga e brividi a buon mercato a teatro. Quindi, facciamolo e vediamo cosa succede."

E quello che è accaduto poi, lo sappiamo tutti.

L'attore nei suoi anni di carriera non si è mai fermato, non solo lavorativamente. Si è infatti spesso espresso per difendere la comunità black, e recentemente ha avanzato importanti accuse agli Oscar.

Quanto è interessante?
2