Ryan Reynolds dice la sua sulla Super League: "Facciamone una in cui non gioca nessuno"

Ryan Reynolds dice la sua sulla Super League: 'Facciamone una in cui non gioca nessuno'
di

Il mondo del calcio è stato sconvolto nei giorni scorsi dall'atto di ribellione di dodici dei club più seguiti del pianeta, capitanati dal Real Madrid (per l'Italia Juventus, Inter e Milan), che hanno auto-proclamato la nascita della Super League, un esclusivo torneo a inviti, senza il concetto della qualificazione da conquistare sul campo.

Per 48 ore se ne sono dette di tutti i colori, e si è creduto davvero in una rivoluzione nel calcio FIFA con la Super league, anche se il progetto sembra già miseramente fallito, anche a causa delle manifestazioni di contrarietà dei tifosi europei, specialmente inglesi.

Anche nello star system, naturalmente, si discute di calcio e di Superlega, dal momento che molti attori, cantanti e VIP sono anche dei tifosi. Ryan Reynolds, per esempio, è addirittura il proprietario (insieme al collega Rob McElhenney) di una piccola squadra gallese, il Wrexham, che nel suo profilo ufficiale Twitter si definisce ora "membro orgoglioso della European Justice League 2021/22".

Dopo aver recentemente commentato la visione di Lanterna Verde, l'attore ha utilizzato Twitter anche per scherzare sulla neonata (e a quanto pare già defunta) Super League. Come possiamo vedere anche in calce alla notizia, Ryan Reynolds ha risposto a un video postato dall'account del Wrexham, in cui McElhenney spiega scherzosamente che la squadra era stata invitata nel nuovo campionato elitario, ma ha preferito rifiutare. "Mi piace anche l'idea di una Super Super League" ha commentato il protagonista di Lanterna Verde, "dove nessuno è bravo abbastanza per giocare."

Dopo il dietrofront di Florentino Perez, Andrea Agnelli e gli altri fautori del progetto, così, anche il Wrexham può ancora sognare di arrivare un giorno a giocare in Champions League.

Quanto è interessante?
3