Ryan Gosling, Ana de Armas, Mackenzie Davis: il sesso a tre in Blade Runner 2049

Ryan Gosling, Ana de Armas, Mackenzie Davis: il sesso a tre in Blade Runner 2049
di

Tra i momenti più chiacchierati di Blade Runner 2049, acclamato sequel del cult di Ridley Scott, c'è senza dubbio la surreale sequenza di sesso a tre fra i personaggi di Ryan Gosling, Ana de Armas e Mackenzie Davis.

La scena, che potete rivivere nel video in calce all'articolo, vede il protagonista K (Gosling) sfruttare il corpo tangibile della prostituta Mariette (Davis) per simulare un insperato e attesissimo rapporto d'amore con Joi, simulazione di donna olografica di cui è innamorato. Le donne si fondono nella scena triste e innovativa, sincronizzando i loro movimenti in modo da far sentire K come se fosse effettivamente con Joi.

Secondo Villeneuve, si tratta della scena di sesso più complicata mai filmata, con lavori che si sono svolti nell'arco di un anno intero, dalla coreografia iniziale al completamento. "È stato importante per me mettere gli attori al centro del processo", affermava Villeneuve in un'intervista di allora, "volevo sentire quello che K sente mentre sta vivendo quello strano momento, come Joi si sente per la prima volta ad avere un vero amante e cosa prova Mariette ad essere una specie di vittima collaterale di quell'amore."

Contrariamente a quanto si possa pensare, la CGI è stata utilizzata soltanto per sovrapporre le immagini delle due attrici, e fino a quel punto - incredibilmente - sono stati utilizzati soltanto effetti pratici. Senza l'uso di schermo verde o motion capture, il set è stato invece attrezzato con 4 cineprese extra, che sono state successivamente utilizzate per ricreare la stanza e gli attori al suo interno come un modello 3D. Ciò ha permesso agli attori di recitare senza doversi preoccupare dell'aspetto VFX, che solitamente li costringe a recitare separatamente l'uno dall'altro, ed è stata una soluzione chiave per mantenere l'intimità della scena.

Il regista l'ha definita “una fusione tra fotografia reale e CGI. La rivoluzione digitale non è mai avvenuta nel mondo di Blade Runner 2049. Le tecnologie analogiche hanno continuato ad avanzare: l'idea di pixel, compressione digitale, LCD, quel genere di cose non è mai avvenuta. Per questa fusione abbiamo basato lo sguardo sulla semplice idea di una doppia esposizione fotografica tradizionale ma con la complessità di poter alterare in modo creativo la trasparenza in uno spazio tridimensionale. Un visual semplice ma incredibilmente complesso da realizzare."

La doppia esposizione è una tecnica fotografica che consente di sovrapporre un'immagine all'altra, creando una nuova immagine nel processo. "E da quella doppia esposizione", aggiunge Villeneuve, "dalla fusione di entrambe le donne apparirà una terza donna, un terzo essere. E quell'essere sarà molto erotico, attraente e spaventoso - perché è una specie di mostro, no?”.

Per altri approfondimenti vi rimandiamo al desiderio di Villeneuve di realizzare un nuovo film nel mondo di Blade Runner e all'Everycult su Blade Runner di Ridley Scott.

Quanto è interessante?
6