Roma: Alfonso Cuaron spiega i motivi dell'assenza di Emmanuel Lubezki

Roma: Alfonso Cuaron spiega i motivi dell'assenza di Emmanuel Lubezki
di

Quando Alfonso Cuaron ha iniziato a lavorare a Roma, una delle certezze, oltre al fatto che fosse un progetto fortemente personale e ambientato a Città del Messico, era la presenza di Emmanuel Lubezki come direttore della fotografia.

Negli ultimi anni Cuaron, Alejandro Gonzàlez Inarritu e Guillermo Del Toro non sono stati gli unici messicani a fare incetta di Premi Oscar. Oltre ai tre registi, infatti, anche Lubezki - per gli amici "Chivo" - si è aggiudicato tre Academy Award consecutivi per la miglior fotografia grazie a Gravity, Birdman e The Revenant.

Sebbene i primi report lo indicassero come il direttore della fotografia di Roma, Lubezki alla fine non ha preso parte al futuro Leone d'Oro, e il regista ha deciso di spiegare il perché durante una conversazione con Inarritu per il podcast della Directors Guild of America:

"Chivo ha iniziato a preparare il film, ed effettivamente io ho pianificato il film per lui. Ho programmato il budget in base al suo modo di fare. Con Chivo c'è sempre la stessa preoccupazione - e in realtà riceve un sacco di lamentele (ride). La cosa più importante da quando abbiamo iniziato a fare film insieme è il tempo. Il tempo di fare le cose. Il tempo per preparare il film, il tempo per girarlo, il tempo per il digitale, chiede sempre più tempo. Quindi l'ho programmato apposta per Chivo. Il risultato è che abbiamo iniziato a realizzare il film pensando di avere poco tempo per prepararlo e girarlo, e abbiamo continuato ad allungare i tempi finché Chivo non ci ha detto che non era disponibile a causa di altri suoi impegni. Tutto ciò a circa due settimane e mezzo dall'inizio delle riprese."

Gli impegni di Lubezki però non sono arrivati inaspettati, come confermato dallo stesso Cuaron: "E' stata colpa mia. Lui mi aveva avvertito ma non gli ho creduto, non volevo lasciarlo andare. Ho detto 'Proviamo, parla con l'altra produzione e vedi se possono rimandarla', mi sono messo alle strette."

Alla fine Cuaron ha scelto di occuparsi lui stesso della fotografia: "Ho iniziato a fare il direttore della fotografia a scuola di cinema e in seguito per la televisione, anche per i miei stessi show. Non l'ho mai fatto per un lungometraggio, ma dopo i primi tre giorni mi sono abituato al ruolo. Ero abituato a delegare i compiti, in genere non parlo con il tecnico delle luci, quello spetta a Chivo. In Roma però ci ho parlato io direttamente."

Roma debutterà su Netflix il 14 dicembre.

FONTE: Collider
Quanto è interessante?
2