Riprese terminate per il travagliato The Man Who Killed Don Quixote di Gilliam!

di

Dopo circa un ventennio di rimandi, cancellazioni e presunte maledizioni -con incidenti sul set o gravi problemi di produzione-, Terry Gilliam c'è l'ha fatta, annunciando via Facebook di aver finalmente concluso le riprese del suo travagliatissimo The Man Who Killed Don Quixote.

Il progetto risale agli anni '90, quando il regista di Paura e delirio a Las Vegas aveva condiviso l'idea di un suo personale adattamento del capolavoro letterario di Miguel de Cervantes, ai tempi con protagonista Johnny Depp. Come dicevamo, la produzione fu un disastro, con la più ampia varietà di problemi che possiate immaginare, tanto che il progetto fu bloccato. Un paio di anni fa è addirittura uscito un documentario che raccontava lo sfortunato set del film, intitolato Lost in La Mancha -che vi invitiamo caldamente a recuperare.

Il limbo ha così a lungo fagocitato l'adattamento di Gilliam, che però è riuscito a rivedere la luce giusto lo scorso anno al mercato di Cannes, quando Amazon annunciò di appoggiare il regista di Brazil per portare a termine questo leggendario progetto. E nonostante qualche piccolo intoppo -produttori senza soldi e beghe legali-, adesso sembra che questa ultima versione del film con protagonisti Adam Driver (Star Wars), Ewan McGregor (Fargo) e Jonathan Pryce (Il Trono di Spade) avrà infine vita sul grande schermo.

È infatti con entusiasmo che Gilliam scrive in un post via social: «Scusate per il lungo silenzio. Sono stato occupato a sistemare il furgone e adesso sto tornando a casa. Dopo 17 anni siamo finalmente riusciti a completare le riprese di The Man Who Killed Don Quixote. Muchas Gracias a tutto il team e a chi ci ha sempre creduto. Quixote vive!».

A questo punto non possiamo che attendere l'inizio della post-produzione e magari qualche materiale ufficiale, sperando che nessun altro inghippo colpisca un film che ha dovuto penare e mostrare i denti per venire al mondo.

Il nostro più sentito in bocca al lupo, Terry!

Quanto è interessante?
3