Pet Sematary: il gatto ritorna nella nuova clip del remake tratto da Stephen King

Pet Sematary: il gatto ritorna nella nuova clip del remake tratto da Stephen King
di

Paramount Pictures ha diffuso una nuova clip ufficiale di Pet Sematary, il remake del cult horror Cimitero vivente a sua volta tratto da una delle opere più amate di Stephen King.

Nella clip, che potete visualizzare in esclusiva sul sito del Mirror, la famiglia Creed si rende conto che il gatto della figlioletta, da poco scomparso, è tornato nella loro abitazione. La scena ha tutti i tratti tipici del cinema horror e della suspense creata nei romanzi di King.

Nuovo adattamento del romanzo di King pubblicato nel 1983 e già portato sul grande schermo una prima volta nel 1989, la trama racconta la storia della famiglia Creed, composta da Louis (Jason Clarke), dalla moglie Rachel (Amy Seimetz) e dai figli Gage e Ellie. Quando questa si trasferirà nella nuova casa di campagna, verranno a conoscenza dell'esistenza di un inquietante cimitero per animali situato accanto alla dimora. Dopo la morte del gatto di famiglia, e la conseguente sepoltura nel cimitero in questione, il luogo si rivelerà per quello che è in realtà.

Progetto dalla lunga gestazione, questo remake era stato inizialmente proposto a registi come Guillermo del Toro e Andy Muschietti, prima che questi si dedicasse alla trasposizione di un altro grande romanzo di King, It. Alla fine la Paramount ha assegnato la regia a Kevin Kölsch e Dennis Widmyer. I due registi a maggio affermarono che il film sarebbe stato ancor più spaventoso della versione precedente firmata da Mary Lambert.

In attesa della diffusione di un trailer finale italiano, potete recuperare l'ultimo disponibile di Pet Sematary. Questa nuova versione della storia subirà dei cambiamenti rispetti al romanzo, con King che si è detto da subito d'accordo con le modifiche apportate.

La pellicola approderà nelle sale americane il 5 aprile prossimo, mentre in Italia dovremo attendere più di un mese, in quanto non arriverà prima del 9 maggio 2019.

FONTE: Mirror
Quanto è interessante?
1