Perché non vedremo Mushu nel remake live-action di Mulan

Perché non vedremo Mushu nel remake live-action di Mulan
di

Fin dall'annuncio del nuovo live-action targato Disney dedicato a Mulan sapevamo che i cambiamenti alla storia rappresentata nel classico d'animazione del '98 sarebbero stati non pochi. Tra questi, uno dei più clamorosi sembra essere l'assenza di Mushu, per la quale ci vengono però date delle ragioni precise.

Dopotante speculazioni (Mushu sarà una fenice?) in merito, la regista di Mulan, Niki Caro, aveva recentemente confermato l'assenza di Mushu dal suo film (come anche delle canzoni).

Ma perché, esattamente, l'ex spirito guardiano dalle sembianze di un (piccolo) drago di rosso colarato (e nell'originale doppiato da Eddie Murphy) non è stato inserito nella pellicola?

Ce lo spiega Stanley Rosen, professore della USC specializzato in cultura, società e politica cinese: "Mushu era estremamente popolare negli Stati Uniti, ma i cinesi lo odiavano. Quella sorta di drago in miniatura banalizzava la loro cultura".

Inoltre, proprio come ribadiva la stessa regista, si tratta anche di una questione di verosimiglianza. Il produttore Jason Reed è stato molto chiaro al riguardo: "Volevamo raccontare questa storia in modo che sembrasse più reale, più credibile, qualcosa in cui ci si potesse rispecchiare più facilmente. Non c'è la scusa della battuta umoristica per nascondere le parti che potrebbero mettere a più a disagio, e non partono improvvisamente delle canzoni per spiegarne il sottotesto".

Certo, questo non ha impedito l'introduzione del personaggio di Gong Li come nuovo temibile villain (una strega mutaforma) che però, oltre ad essere stato paragonato dalla stessa attrice al White Bone Spirit, un demone anch'esso mutaforma del classico romanzo cinese Journey to the West, pare anche avere "un ruolo davvero centrale e rilevante nell'economia della storia del live-action".

FONTE: UPROXX
Quanto è interessante?
4